Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
2017 ASH Meeting on Hematologic
Madrid 22nd congress
isth 2017

Relazione tra obesità ed esito clinico negli adulti con leucemia mieloide acuta


L'obesità è stata precedentemente indicata come marcatore prognostico avverso nei pazienti con leucemia acuta.
Per valutare la relazione tra obesità ed esito clinico, sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) in pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ), compresa la leucemia promielocitica acuta ( APL ), è stata effettuata una analisi combinata di 4 studi clinici CALGB ( Alliance ).

Lo studio ha incluso 446 pazienti con leucemia promielocitica acuta da CALGB 9710, e 1.648 pazienti tra i 18 ei 60 anni di età con leucemia mieloide acuta non-APL da CALGB 9621, 10503 e 19808.

L'obesità è stata definita come indice di massa corporea ( BMI ) maggiore o uguale a 30 kg/m2.

L'obesità è stata osservata nel 50% e 38% dei pazienti con leucemia promielocitica acuta e leucemia mieloide acuta non-APL, rispettivamente.

Nei pazienti affetti da leucemia promielocitica acuta, l'obesità era associata a una peggiore sopravvivenza libera da malattia ( hazard ratio, HR=1.53, P=0.04 ) e peggiore sopravvivenza globale ( HR=1.72, P=0.01 ) dopo aggiustamento per età, sesso, performance status, etnia, braccio di trattamento e conta di globuli bianchi al basale.

L'obesità non era significativamente associata a sopravvivenza libera da malattia o sopravvivenza globale nei pazienti con leucemia mieloide acuta non-APL.

In conclusione, lo studio ha indicato che l'obesità ha un notevole valore prognostico per la sopravvivenza libera da malattia e sopravvivenza globale nei pazienti con leucemia promielocitica acuta, ma non per i pazienti con leucemia mieloide acuta non-APL. ( Xagena2016 )

Castello JJ et al, Am J Hematol 2016; 91: 199-204

Onco2016 Emo2016 Endo2016



Indietro