Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Celgene Ematologia

Avatrombopag per la trombocitopenia indotta da chemioterapia in pazienti con neoplasie non-ematologiche


La trombocitopenia indotta dalla chemioterapia è comune e provoca riduzioni della dose della chemioterapia o ritardi del trattamento, sanguinamento ed esiti oncologici non-ottimali.
È stato valutato Avatrombopag ( Doptelet ), un agonista del recettore della trombopoietina che aumenta la conta piastrinica, nei pazienti con tumore non-ematologico e conta piastrinica inferiore a 50 x 10(9) cellule per litro.

In questo studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 3, pazienti di età pari o superiore a 18 anni in 71 ospedali o centri di cura del tumore in Cina, Ungheria, Polonia, Russia, Serbia, Ucraina e Stati Uniti e con tumore ovarico, della vescica o del polmone sottoposti a chemioterapia che presentavano trombocitopenia grave sono stati assegnati in modo casuale ad Avatrombopag orale 60 mg oppure a placebo orale una volta al giorno somministrato 5 giorni prima e dopo la chemioterapia, con randomizzazione stratificata per numero di farmaci chemioterapici utilizzati.

Pazienti e ricercatori non conoscevano l'allocazione di gruppo. L'idoneità richiedeva due linee precedenti di chemioterapia o meno, un ECOG performance status di 2 o meno e nessuna storia precedente di trombocitopenia indotta da chemioterapia.

L'endpoint primario composito era la proporzione di responder che non richiedevano trasfusione di piastrine o una riduzione della dose di chemioterapia del 15% o più o un ritardo della chemioterapia di 4 giorni o più a causa di trombocitopenia dopo il trattamento in studio fino all'inizio del ciclo successivo.

Sono state effettuate analisi sulle popolazioni intention-to-treat ( ITT ) e per protocollo.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Avatrombopag.

Tra il 2018 e il 2020, 122 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Avatrombopag ( n=82 ) oppure placebo ( n=40 ).
Il follow-up mediano è stato di 31 giorni.

Proporzioni simili di pazienti hanno raggiunto l'endpoint primario nei gruppi Avatrombopag e placebo ( intention-to-treat: 57 su 82, 70%, vs 29 su 40, 73%; differenza -3.0%; P=0.72; per protocollo: 51 su 60, 85%, vs 27 su 32, 84%; 0.6%; P=0.96 ).
15 ( 18% ) su 82 pazienti hanno presentato eventi avversi gravi nel gruppo Avatrombopag e 8 su 40 ( 20% ) nel gruppo placebo, di cui la trombocitopenia è stato il più comune ( 4 su 82 pazienti, 5%, e 4 su 40, 10% ).

Gli eventi avversi comuni emergenti dal trattamento di grado 3-4 sono stati: neutropenia ( 22 su 82, 27%, e 16 su 40 pazienti, 40% ), leucopenia ( 19 su 82, 23%, e 5 su 40, 13% ), anemia ( 16 su 82, 20%, e 9 su 40, 23% ) e trombocitopenia ( 16 su 82, 20%, e 14 su 40, 35% ).
La maggior parte degli eventi avversi è stata considerata non-correlata al farmaco in studio.
Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento.

In questa popolazione di pazienti con neoplasie non-ematologiche relativamente naive-alla-chemioterapia, gli esiti del trattamento della trombocitopenia indotta da chemioterapia sono stati simili tra i gruppi Avatrombopag e placebo.
Data la sua sicurezza e capacità di aumentare la conta piastrinica nei pazienti con trombocitopenia indotta da chemioterapia, è giustificata la valutazione di Avatrombopag nelle popolazioni con trombocitopenia indotta da chemioterapia più persistente. ( Xagena2022 )

Al-Samkari H et al, Lancet Haematology 2022; 9: 179-189

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro