isth 2017
Madrid 22nd congress
2017 ASH Meeting on Hematologic

Trapianti di sangue del cordone ombelicale nei pazienti con malattia minima residua


La maggior parte dei pazienti che necessitano di un trapianto di cellule ematopoietiche non hanno un donatore abbinato consanguineo.
Sono necessari dati per fare una scelta informata tra varie fonti alternative di cellule da donatori.

In una analisi retrospettiva sono stati confrontati i risultati di 582 pazienti consecutivi affetti da leucemia acuta o sindrome mielodisplastica che avevano ricevuto un primo trapianto mieloablativo di cellule ematopoietiche da un donatore non-consanguineo dal sangue del cordone ombelicale ( 140 pazienti ), un donatore HLA-compatibile non-consanguineo ( n=344 ), o un donatore non-consanguineo HLA-non compatibile ( n=98 ).

I rischi relativi di morte e recidiva tra il gruppo con sangue del cordone ombelicale e gli altri due gruppi con donatori non-consanguinei sembravano variare in funzione della presenza di malattia minima residua prima del trapianto.

Tra i pazienti con malattia minima residua, il rischio di morte era più alto nel gruppo HLA-non-compatibile, rispetto al gruppo con sangue del cordone ombelicale ( hazard ratio, HR=2.92; P=0.001 ); il rischio era più alto anche nel gruppo HLA-compatibile rispetto al gruppo con sangue del cordone ombelicale, ma non in modo significativo ( HR=1.69; P=0.08 ).

Tra i pazienti senza malattia minima residua, gli hazard ratio sono risultati inferiori ( hazard ratio nel gruppo HLA-non-compatibile, 1.36; P=0.30; hazard ratio nel gruppo HLA-compatibile, 0.78; P=0.33 ).

Il rischio di recidiva tra i pazienti con malattia minima residua era significativamente più alto nei due gruppi con donatori non-consanguinei rispetto al gruppo con sangue del cordone ombelicale ( hazard ratio nel gruppo HLA-non-compatibile, 3.01; P=0.02; hazard ratio nel gruppo HLA-compatibile, 2.92; P=0.007 ).

Tra i pazienti senza malattia minima residua, la grandezza di queste associazioni era inferiore ( hazard ratio nel gruppo HLA-non-compatibile, 1.28; P=0.60; hazard ratio nel gruppo HLA-compatibile, 1.30; P=0.46 ).

I dati suggeriscono che tra i pazienti con malattia minima residua prima del trapianto, la probabilità di sopravvivenza globale dopo un trapianto da un donatore di sangue del cordone ombelicale era almeno altrettanto favorevole della sopravvivenza globale dopo un trapianto da un donatore non-consanguineo HLA-compatibile ed era significativamente superiore alla probabilità di sopravvivenza globale dopo un trapianto da un donatore non-consanguineo HLA-non-compatibile.
Inoltre, la probabilità di recidiva è stata più bassa nel gruppo con sangue del cordone ombelicale rispetto agli altri gruppi. ( Xagena2016 )

Milano F et al, N Engl J Med 2016; 375: 944-953

Ema2016 Onco2016



Indietro