2017 ASH Meeting on Hematologic
isth 2017
Madrid 22nd congress

Anche se la carica virale di citomegalovirus è comunemente utilizzata per guidare la terapia preventiva post-trapianto, sono disponibili pochi dati che correlano la viremia con gli endpoint clinici. ...


L'obesità è stata precedentemente indicata come marcatore prognostico avverso nei pazienti con leucemia acuta. Per valutare la relazione tra obesità ed esito clinico, sopravvivenza libera da malatti ...


Poco si sa circa la frequenza e il significato dell’emorragia clinicamente non-apparente od occulta nella porpora trombocitopenica idiopatica ( ITP ). Pertanto, sono state esaminate in modo prospettic ...


È stata valutata l'efficacia della terapia per la leucemia linfoblastica acuta ( ALL ) simil-pediatrica negli adulti con linfoma linfoblastico ( LL ) mediante uno studio prospettico di fase II negli a ...


La policitemia vera è una neoplasia mieloproliferativa associata a sintomi invalidanti e a un elevato rischio di complicanze potenzialmente letali. Recenti studi hanno dimostrato l'efficacia della t ...


La leucemia mieloide acuta colpisce soprattutto le persone anziane, con una età media alla diagnosi di circa 70 anni. Anche se circa il 50-60% dei pazienti entra nella prima remissione completa con ...


Le malattie cardiovascolari dopo trattamento rappresentano una preoccupazione importante per coloro che sopravvivono ai tumori. La conoscenza della cardiotossicità è limitata dalla natura retrospett ...


I superstiti al linfoma di Hodgkin sono ad aumentato rischio di successive neoplasie maligne correlate al trattamento. L'effetto dei trattamenti meno tossici, introdotti alla fine del 1980, sul risc ...


I test in grado di predire gli esiti per i pazienti con leucemia mieloide acuta ( AML ) sono imprecisi, soprattutto per quelli con rischio intermedio di leucemia mieloide acuta. Si è determinato se ...


La letteratura recente riporta una potenziale associazione tra un alto livello di vitamina D e una migliore prognosi nel linfoma. È stato valutato l'impatto del pretrattamento con vitamina-D sull’es ...


I pazienti con neoplasie mieloproliferative croniche sono ad aumentato rischio di nuovi casi di tumore solido o ematologici, ma non è chiaro come la prognosi sia influenzata nei pazienti con precedent ...


La chemioterapia ad alte dosi con trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT ) è stata dimostrata efficace nel controllo del linfoma follicolare recidivato / refrattario. Sono stati valutati i r ...


La strategia di trattamento ottimale con l'uso del trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ) per il linfoma di Hodgkin ( HL ) recidivato e refrattario rimane poco chiara. È stata effett ...


E’stato riscontrato un elevato tasso di riattivazione della infezione da virus dell’epatite B ( HBV ) nei pazienti naive al trattamento ( mai trattati ) sottoposti a trapianto di cellule staminali ema ...


Uno studio ha mostrato che i pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche hanno presentato un aumento del rischio di neoplasie maligne cutanee. E’stata condotta una revisione ...