GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia

Acalabrutinib versus Idelalisib più Rituximab o Bendamustina più Rituximab nella leucemia linfocitica cronica recidivante o refrattaria: studio ASCEND


Acalabrutinib ( Calquence ), un potente inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ), altamente selettivo, è stato valutato nello studio di fase III globale, multicentrico, randomizzato, in aperto, ASCEND in pazienti con leucemia linfatica ( linfocitica ) cronica recidivato / refrattario ( R/R ).

I pazienti idonei, di età a partire da 18 anni con leucemia linfatica cronica R/R, sono stati assegnati in modo casuale stratificando per stato del(17p), punteggio ECOG performance status e numero di precedenti linee di terapia.
I pazienti hanno ricevuto Acalabrutinib in monoterapia o farmaci a scelta dello sperimentatore ( Idelalisib più Rituximab [ regime IR ] o Bendamustina più Rituximab [ regime BR ] ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) valutata da un Comitato di revisione indipendente ( IRC ) nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).
Gli endpoint secondari chiave includevano il tasso di risposta globale ( ORR ) valutato dal Comitato IRC, la sopravvivenza globale ( OS ) e la sicurezza.

Da febbraio 2017 a gennaio 2018, sono stati valutati per l'eleggibilità in totale 398 pazienti; 310 pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla monoterapia con Acalabrutinib ( n=155 ) o farmaci a scelta dello sperimentatore ( n=155; regime IR, n=119; regime BR, n=36 ).
I pazienti avevano ricevuto una mediana di due precedenti terapie.

Dopo un follow-up mediano di 16.1 mesi, la sopravvivenza PFS mediana è risultata significativamente più lunga con la monoterapia con Acalabrutinib ( PFS non-raggiunta ) rispetto ai farmaci scelti dello sperimentatore ( 16.5 mesi; hazard ratio, HR=0.31; P minore di 0.0001 ).
La sopravvivenza PFS stimata a 12 mesi è stata dell'88% per Acalabrutinib e del 68% per i farmaci scelti dallo sperimentatore.

Eventi avversi gravi si sono verificati nel 29% dei pazienti ( n=44 su 154 ) trattati con Acalabrutinib in monoterapia, nel 56% ( n=66 su 118 ) con regime IR e nel 26% ( n=9 su 35 ) con regime BR.
I decessi si sono verificati nel 10% ( n=15 su 154 ), 11% ( n=13 su 118 ) e nel 14% ( n=5 su 35 ) dei pazienti trattati rispettivamente con Acalabrutinib in monoterapia, regime IR e regime BR.

Acalabrutinib ha migliorato significativamente la sopravvivenza senza progressione rispetto a regime IR o a regime BR, e ha un profilo di sicurezza accettabile nei pazienti con leucemia linfatica cronica R/R. ( Xagena2020 )

Ghia P et al, J Clin Oncol 2020 38: 2849-2861

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro