Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Aggiunta di 4 dosi di Rituximab alla chemioterapia di induzione standard nei pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta a precursori di cellule B: studio UKALL14


Il trattamento per gli adulti con leucemia linfoblastica acuta richiede miglioramenti.
UKALL14 era uno studio del gruppo UK National Cancer Research Institute Adult ALL che ha cercato di determinare il beneficio dell'aggiunta dell'anticorpo monoclonale anti-CD20, Rituximab ( MabThera ), alla terapia degli adulti con leucemia linfoblastica acuta a precursori di cellule B de novo.

Si è trattato di uno studio randomizzato e controllato, condotto in tutti i Centri del servizio sanitario nazionale del Regno Unito che trattano pazienti con leucemia linfoblastica acuta ( 65 Centri ).
I pazienti avevano un'età compresa tra 25 e 65 anni con leucemia linfoblastica acuta BCR-ABL1-negativa de novo.

I pazienti con leucemia linfoblastica acuta BCR-ABL1-positiva de novo erano eleggibili se avevano un'età compresa tra 19 e 65 anni.
I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia di induzione standard o alla terapia di induzione standard più 4 dosi di Rituximab per via endovenosa ( 375 mg/m2 ) nei giorni 3, 10, 17 e 24.
La randomizzazione è stata stratificata per sesso, età e conta leucocitaria.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno iniziato il trattamento di studio.

Tra il 2012 e il 2017, 586 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a standard di cura ( n=292 ) o standard di cura più Rituximab ( n=294 ).
9 pazienti sono stati esclusi dall'analisi finale a causa di diagnosi errate ( standard di cura n=4, standard di cura più Rituximab n=5 ).

Nel gruppo standard di cura, l'età mediana era di 45 anni, 159 dei 292 partecipanti ( 55% ) erano maschi, 128 ( 44% ) erano femmine, 1 ( inferiore a 1% ) era intersessuale e 143 su 244 partecipanti ( 59% ) avevano una citogenetica ad alto rischio.

Nel gruppo standard di cura più Rituximab, l'età mediana era di 46 anni, 159 su 294 partecipanti ( 55% ) erano maschi, 130 ( 45% ) erano femmine e 140 su 235 ( 60% ) avevano citogenetica ad alto rischio.

Dopo un follow-up mediano di 53.7 mesi, la sopravvivenza libera da eventi a 3 anni è stata del 43.7% per lo standard di cura rispetto al 51.4% per lo standard di cura più Rituximab ( hazard ratio, HR=0.85; P=0.14 ).
Gli eventi avversi più comuni sono stati: infezioni e citopenie, senza differenze tra i gruppi nei tassi di eventi avversi.

Si sono verificati 11 eventi fatali ( 4% ) ( grado 5 ) nelle fasi di induzione 1 e 2 nel gruppo standard di cura e 13 eventi ( 5% ) nel gruppo standard di cura più Rituximab.
La mortalità senza recidive a 3 anni è stata del 23.7% nel gruppo standard di cura rispetto al 20.6% nel gruppo standard di cura più Rituximab ( HR=0.88; P=0.49).

Lo standard di cura più 4 dosi di Rituximab non ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da eventi rispetto allo standard di cura.
Rituximab è benefico nella leucemia linfoblastica acuta, ma è probabile che 4 dosi durante l'induzione siano insufficienti. ( Xagena2022 )

Marks DI et al, Lancet Haematology 2022; 9: 262-275

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro