Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Aggiunta di Isatuximab a Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone come terapia di induzione per i pazienti affetti da mieloma multiplo di nuova diagnosi idonei al trapianto


Gli anticorpi monoclonali anti-CD38 hanno costantemente mostrato una maggiore efficacia quando aggiunti allo standard di cura per i pazienti con mieloma multiplo.
È stata valutata l'efficacia di Isatuximab ( Sarclisa ) in aggiunta a Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo idoneo al trapianto di nuova diagnosi.

Uno studio di fase 3 in aperto, multicentrico, randomizzato, con controllo attivo è stato condotto presso 67 Centri accademici e oncologici in Germania.
Lo studio è in corso e diviso in due Parti; sono stati riportati i risultati della Parte 1.

I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 70 anni; avevano una diagnosi confermata di mieloma multiplo non-trattato che richiedeva un trattamento sistemico e un WHO performance status di 0-2; ed erano eleggibili per terapia di induzione, Melfalan ad alte dosi e trapianto autologo di cellule staminali emopoietiche e trattamento di mantenimento.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere tre cicli di 42 giorni di terapia di induzione con Isatuximab più Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone ( gruppo Isatuximab ) o Lenalidomide, Bortezomib, e solo Desametasone ( gruppo di controllo ).

I pazienti di entrambi i gruppi hanno ricevuto Lenalidomide ( 25 mg per via orale nei giorni 1-14 e 22-35 ), Bortezomib ( 1.3 mg/m2 per via sottocutanea nei giorni 1, 4, 8, 11, 22, 25, 29 e 32 ) e Desametasone ( 20 mg per via orale nei giorni 1-2, 4-5, 8-9, 11-12, 15, 22-23, 25-26, 29-30 e 32-33 ).
Isatuximab è stato somministrato alla dose di 10 mg/kg per via endovenosa nei giorni 1, 8, 15, 22 e 29 del ciclo 1 e nei giorni 1, 15 e 29 dei cicli 2 e 3.

L'endpoint primario era la negatività alla malattia residua minima ( MRD ) valutata mediante citometria a flusso, nella popolazione intent-to-treat ( ITT ).

Tra il 2018 e il 2020, 660 pazienti sono stati inclusi nell'analisi ITT ( 331 nel gruppo Isatuximab e 329 nel gruppo di controllo ).
654 pazienti ( 99% ) erano bianchi, due africani, uno arabo e tre asiatici. 250 ( 38% ) erano donne e 410 ( 62% ) erano uomini.
L'età media era di 59 anni.

La negatività alla MRD dopo la terapia di induzione è stata raggiunta in 166 pazienti ( 50% ) nel gruppo Isatuximab rispetto a 117 ( 36% ) nel gruppo di controllo ( odds ratio, OR 1.82; P=0.00017 ).
Il tempo mediano di follow-up dall'inizio alla fine della terapia di induzione è stato di 125 giorni rispetto a 125 giorni.

Almeno un evento avverso di grado 3 o 4 si è verificato in 208 su 330 pazienti ( 63% ) rispetto a 199 su 328 pazienti ( 61% ).
La neutropenia di grado 3 o 4 si è manifestata in 77 ( 23% ) pazienti contro 23 ( 7% ) e le infezioni di grado 3 o 4 si sono verificate in 40 ( 12% ) rispetto a 32 ( 10% ) pazienti.

Tra i 12 decessi durante la terapia di induzione, un decesso dovuto a shock settico nel gruppo Isatuximab e 4 decessi ( uno scompenso cardiaco, uno per insufficienza epatica e renale, un arresto cardiaco e un'enterite indotta da farmaci ) nel gruppo di controllo sono stati considerati correlati al trattamento.

L'aggiunta di Isatuximab a Lenalidomide, Bortezomib e Desametasone per la terapia di induzione ha migliorato i tassi di negatività alla malattia minima residua senza nuovi segnali di sicurezza nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi idonei al trapianto. ( Xagena2022 )

Goldschmidt H et al, Lancet Haematology 2022; 9: 810-821

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro