Roche
Janssen Oncology
ELN 2018
Ematobase.it

Alisertib più chemioterapia di induzione nei pazienti precedentemente non-trattati con leucemia mieloide acuta ad alto rischio


L’aumento dell'espressione dell'Aurora A chinasi ( AAK ) si verifica nella leucemia mieloide acuta; l'inibizione di AAK è un promettente bersaglio terapeutico in questa malattia.
È stata valutata l'attività di Alisertib in combinazione con la chemioterapia di induzione 7 + 3 in pazienti precedentemente non-trattati con leucemia mieloide acuta ad alto rischio.

È stato condotto uno studio di fase 2 a braccio singolo su pazienti reclutati dal Dana-Farber / Harvard Cancer Center negli Stati Uniti.

I pazienti eleggibili avevano leucemia mieloide acuta non-trattata in precedenza, ECOG performance status di 0-2 ed erano ad alto rischio di malattia come definito dalla presenza di un cariotipo a rischio avverso, la presenza di leucemia mieloide acuta secondaria derivante da precedente sindrome mielodisplastica o neoplasia mieloproliferativa, presenza di leucemia mieloide acuta correlata alla terapia o età pari o superiore a 65 anni.

I pazienti arruolati hanno ricevuto la chemioterapia di induzione 7 + 3 con infusione continua di Citarabina ( 100 mg/m2 al giorno nei giorni 1–7 ) e bolo endovenoso di Idarubicina ( 12 mg/m2 al giorno nei giorni 1-3 ).

Alisertib orale ( 30 mg ) è stato somministrato due volte al giorno nei giorni 8-15.
I pazienti potevano ricevere fino a 4 cicli di consolidamento con Citarabina e Alisertib e mantenimento con Alisertib per 12 mesi.

L'endpoint primario era un composito che includeva la percentuale di pazienti che raggiungevano la remissione completa e quelli con remissione completa con recupero incompleto della conta dei neutrofili o delle piastrine.

Tra il 2015 e il 2017 sono stati arruolati in totale 39 pazienti idonei. 19 ( 49% ) su 39 pazienti avevano leucemia mieloide acuta secondaria e 3 ( 8% ) avevano leucemia mieloide acuta correlata alla terapia.

A metà induzione, 33 ( 85% ) su 39 pazienti hanno mostrato aplasia del midollo, 6 ( 15% ) hanno ricevuto reinduzione.

Il follow-up mediano è stato di 13.7 mesi.

La remissione composita è stata del 64%, con 20 ( 51% ) su 39 pazienti che hanno raggiunto la remissione completa e 5 ( 13% ) che hanno raggiunto la remissione completa con recupero incompleto della conta piastrinica o dei neutrofili.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni includevano neutropenia febbrile ( 16 su 39, 41% ), neutropenia ( 12, 31% ), trombocitopenia ( 13, 33% ), anemia ( 11, 28% ), anoressia ( 9, 23% ) e mucosite orale ( 4, 10% ).

Questi risultati hanno indicato che Alisertib combinato con la chemioterapia di induzione è attivo e sicuro nei pazienti precedentemente non-trattati con leucemia mieloide acuta ad alto rischio.
Questo studio ha soddisfatto i criteri per il passaggio a un futuro studio randomizzato. ( Xagena2020 )

Brunner AM et al, Lancet Haematology 2020; 7: 122-133

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro