Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Analisi di sicurezza combinata di Zanubrutinib in monoterapia nei pazienti con neoplasie dei linfociti B


Zanubrutinib ( Brukinsa ) è un inibitore selettivo della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) valutato in studi multipli di malignità delle cellule B.
È stata costruita un'analisi di sicurezza combinata per comprendere meglio gli eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) associati a Zanubrutinib, e sono state identificate le tossicità limitanti il ​​trattamento.

I dati sono stati raggruppati da 6 studi ( n=779 ). Le valutazioni includevano il tipo, l'incidenza, la gravità e l'esito degli eventi avversi TEAE.
L'età media era di 65 anni; il 20% aveva 75 o più anni.
La maggior parte dei pazienti presentava macroglobulinemia di Waldenström ( 33% ), leucemia linfatica cronica / linfoma a piccoli linfociti ( 29% ) o linfoma mantellare ( 19% ).

La durata mediana del trattamento è stata di 26 mesi; il 16% dei pazienti è stato trattato per 3 o più anni.

Gli eventi avversi TEAE non-ematologici comuni erano infezioni delle vie respiratorie superiori ( URI, 39% ), rash ( 27% ), lividi ( 25% ), dolore muscoloscheletrico ( 24% ), diarrea ( 23% ), tosse ( 21% ), polmonite ( 21% ), infezioni del tratto urinario ( UTI ) e affaticamento ( 15% ciascuno ).

Gli eventi avversi TEAE di grado 3 o superiore più comuni sono stati: polmonite ( 11% ), ipertensione ( 5% ), infezioni delle vie respiratorie superiori, infezioni del tratto urinario, sepsi, diarrea e dolore muscoloscheletrico ( 2% ciascuno ).
La fibrillazione atriale e l'emorragia maggiore si sono verificate rispettivamente nel 3% e nel 4% dei pazienti.
La fibrillazione atriale, l'ipertensione e la diarrea si sono verificate a tassi inferiori rispetto a quelli riportati storicamente per Ibrutinib.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore hanno incluso: neutropenia ( 23% ), trombocitopenia ( 8% ) e anemia ( 8% ).
Le gravi reazioni avverse TEAE sono state: polmonite ( 11% ), sepsi ( 2% ) e piressia ( 2% ).
L'interruzione del trattamento e la riduzione della dose per eventi avversi si sono verificate rispettivamente nel 10% e nell'8% dei pazienti.

In tutto 39 pazienti ( 4% ) hanno manifestato eventi avversi correlati al trattamento ad esito fatale, tra cui polmonite ( n=9 ), sepsi ( n=4 ), causa non-specificata ( n=4 ) e sindrome da disfunzione multiorgano ( n=5 ).

Questa analisi ha dimostrato che Zanubrutinib è generalmente ben tollerato con un profilo di sicurezza coerente con le note tossicità degli inibitori di BTK; queste erano gestibili e per lo più reversibili. ( Xagena2022 )

Tam CS et al, Blood Adv 2022; 6: 1296-1308

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro