Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

Anticorpo anti-CD19: Blinatumomab associato ad alto tasso di risposta nei pazienti con linfoma non-Hodgkin


Uno studio di fase I ha mostrato che Blinatumomab ( Blincyto ), un anticorpo anti-CD19, ha indotto un tasso di risposta del 69% nei pazienti con linfoma non-Hodgkin ( NHL ).

Sono stati confermati i dati dell’analisi ad interim che avevano dimostrato che in questa popolazione pesantemente pretrattata di pazienti con linfoma non-Hodkin recidivato / refrattario, è possibile infondere in modo continuo per via endovenosa di Blinatumomab, in monoterapia, fino alla dose massima tollerata ( MTD ) di 60 mg/m2/die, con risposte complete durevoli e risposte parziali.

Lo studio in aperto, multicentrico, di aumento graduale della dose, ha interessato 76 pazienti pesantemente pretrattati con linfoma non-Hodgkin recidivato / refrattario tra il 2004 e il 2011.
La popolazione esaminata comprendeva: 14 pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ), 28 pazienti con linfoma follicolare ( FL ), 24 pazienti con linfoma a cellule del mantello ( MCL ), e 10 pazienti con altri sottotipi di linfoma non-Hodgkin.

L'età media dei pazienti era di 65 anni ( range 20-80 anni ) e il 75% ( n=57 ) dei pazienti era di sesso maschile.
I pazienti avevano ricevuto, in precedenza, una mediana di 3 regimi di trattamento ( range, 1-10 ); il 93% ( n=71 ) dei pazienti era stato trattato con almeno 1 precedente regime a base di Rituximab, il 30% ( n=23 ) con Fludarabina, e il 30% ( n=23 ) era stato sottoposto a trapianto autologo.

Il 26% ( n=20 ) dei pazienti era refrattario a Rituximab, con il 13% ( n=10 ) e il 12% ( n=9 ) che erano andati incontro a recidiva, rispettivamente, dopo un precedente regime CHOP e un precedente trapianto.

Un totale di 42 pazienti su 76 sono stati arruolati nella fase di aumento graduale della dose, e hanno ricevuto 1 di 7 dosi di Blinatumomab, che variavano da 0.5 a 90 mg/m2/die, con concomitante somministrazione di steroidi scelti dallo sperimentatore.
I pazienti hanno ricevuto Blinatumomab a un flusso costante per 4-8 settimane fino a tossicità dose-limitante o a progressione della malattia.

Tra i 35 pazienti che hanno ricevuto la dose massima tollerata di 60 mg/m2/die, il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 69% ( n=24 ), di cui 8 risposte complete, 5 risposte complete non-confermate, e 11 risposte parziali.
Cinque pazienti hanno stabilizzato la malattia, mentre in 5 pazienti la malattia è progredita.
Il tasso di risposta globale è stato del 55% ( 6/11 ), 71% ( 5/7 ), e dell’80% ( 12/15 ), rispettivamente, tra i pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B, linfoma a cellule del mantello, e linfoma follicolare.
La durata mediana della risposta è stata di 404 giorni ( IC 95%: 207-1129 ).

Nella popolazione complessiva di 76 pazienti, gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati: linfopenia ( 80% ), piressia ( 76% ), aumento del livello di proteina C-reattiva ( 49% ), affaticamento ( 46% ), leucopenia ( 46% ), aumento di peso ( 42% ) e cefalea ( 42% ).
I più frequenti eventi avversi di grado 3 o maggiore, hanno incluso: linfopenia ( 79% ), aumento del livello di proteina C-reattiva ( 20% ), leucopenia ( 20% ), neutropenia ( 17% ), iperglicemia ( 12% ) e trombocitopenia ( 12% ).

Tre pazienti sono morti; 2 di questi decessi erano potenzialmente correlati al trattamento ( sepsi e infezione da Pneumocystis jirovecii ).

Gli eventi avversi neurologici sono risultate le tossicità dose-limitanti più comuni e la causa più frequente di interruzione del trattamento.
Il 22% dei pazienti ha avuto eventi avversi neurologici di grado 3, tra cui encefalopatia ( 8% ), afasia ( 4% ) e cefalea ( 3% ).
Non sono stati riscontrati eventi avversi neurologici di grado 4 o superiore. ( Xagena )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro