Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Ematologia Amgen

Axicabtagene Ciloleucel come terapia di seconda linea per il linfoma a grandi cellule B


La prognosi dei pazienti con linfoma a grandi cellule B recidivante o refrattario precoce dopo aver ricevuto la chemioimmunoterapia di prima linea è sfavorevole.

In uno studio internazionale di fase 3 sono stati assegnati in modo casuale pazienti con linfoma a grandi cellule B refrattario o recidivato non più di 12 mesi dopo la chemioimmunoterapia di prima linea a ricevere Axicabtagene ciloleucel ( Axi-cel; Yescarta; una terapia autologa con cellule CAR-T anti-CD19 ) o terapia standard ( due o tre cicli di chemioimmunoterapia selezionata dallo sperimentatore, definita dal protocollo, seguita da chemioterapia ad alte dosi con trapianto autologo di cellule staminali nei pazienti con risposta alla chemioimmunoterapia ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi secondo la revisione centrale in cieco.
Gli endpoint secondari chiave erano la risposta e la sopravvivenza globale. È stata anche valutata la sicurezza.

In totale 180 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Axi-cel e 179 a ricevere cure standard.
L'analisi dell'endpoint primario della sopravvivenza libera da eventi ha mostrato che la terapia con Axi-cel era superiore alla terapia standard.

A un follow-up mediano di 24.9 mesi, la sopravvivenza libera da eventi ( EFS ) mediana è stata di 8.3 mesi nel gruppo Axi-cel e di 2.0 mesi nel gruppo di cure standard e la sopravvivenza libera da eventi a 24 mesi è stata del 41% e del 16%, rispettivamente ( hazard ratio per evento o morte, HR=0.40; P minore di 0.001 ).
Una risposta si è verificata nell'83% dei pazienti nel gruppo Axi-cel e nel 50% di quelli nel gruppo in terapia standard ( con una risposta completa rispettivamente nel 65% e nel 32% ).

In un'analisi ad interim, la sopravvivenza globale stimata a 2 anni è stata del 61% nel gruppo Axi-cel e del 52% nel gruppo terapia standard.

Eventi avversi di grado 3 o superiore si sono verificati nel 91% dei pazienti che hanno ricevuto Axi-cel e nell'83% di quelli che hanno ricevuto cure standard.

Tra i pazienti che hanno ricevuto Axi-cel, la sindrome da rilascio di citochine di grado 3 o superiore si è verificata nel 6% e gli eventi neurologici di grado 3 o superiore nel 21%.
Non si sono verificati decessi correlati alla sindrome da rilascio di citochine o eventi neurologici.

La terapia con Axi-cel ha portato a miglioramenti significativi, rispetto alla terapia standard, nella sopravvivenza e nella risposta senza eventi, con il livello atteso di effetti tossici di alto grado. ( Xagena2022 )

Locke FL et al, N Engl J Med 2022; 386: 640-654

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro