Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

Benefici di Ruxolitinib nel trattamento della policitemia vera nei pazienti intolleranti / resistenti all'Idrossiurea


Un'analisi provvisoria di 52 settimane ha confermato i risultati precedenti evidenziando i benefici di Ruxolitinib ( Jakavi ) nei pazienti con policitemia vera che sono resistenti o intolleranti all'Idrossiurea.

Sono stati presentati i risultati intermedi a 52 settimane di uno studio di fase 3 in corso. Lo studio osservazionale, non-interventistico, ha incluso 352 pazienti con policitemia vera che sono stati trattati con Ruxolitinib in 88 siti europei.
L'analisi intermedia comprendeva 60 pazienti con policitemia vera che erano resistenti / non-tolleravano Idrossiurea, a cui era stato prescritto o avevano già iniziato il trattamento con Ruxolitinib.

I pazienti nello studio avevano una durata media di policitemia vera di 4.9 anni prima di essere arruolati nello studio; il 30% aveva una storia medica di infezioni, il 12% aveva una storia di neoplasie secondarie, il 25% aveva una storia di eventi tromboembolici e il 7% aveva una storia di sanguinamento.
Al basale, il 18% aveva infezioni, il 10% aveva neoplasie secondarie e il 17% aveva eventi tromboembolici.

Al basale, era stato misurato l'ematocrito di 55 pazienti, la conta leucocitaria di 57 pazienti, e 22 avevano avuto misurazione della milza.
Trentasette ( 62% ) pazienti nell'analisi ad interim avevano richiesto flebotomia 1 anno prima del trattamento con Ruxolitinib e 24 di loro avevano bisogno di 3 o più flebotomie.

Durante il trattamento, i livelli di ematocrito erano scesi dal 44% del basale al 40% alla settimana 52, con livelli in più rapida decrescita nelle prime 12 settimane prima della stabilizzazione.
Anche la percentuale di pazienti indipendenti dalla flebotomia è aumentata dal 38% nell'anno precedente il trattamento con Ruxolitinib all'88% durante l'anno di trattamento.
Anche la frequenza delle flebotomie è diminuita e la percentuale di pazienti che necessitano di 3 o più flebotomie è diminuita dal 40% nell'anno precedente il trattamento al 5% nell'anno durante il trattamento.

La maggior parte ( 80% ) dei pazienti è rimasta in trattamento con Ruxolitinib senza interruzione.

Gli eventi avversi di grado 3/4 durante lo studio sono stati infezioni ( 5% ), neoplasie secondarie ( 2% ) ed eventi tromboembolici ( 3% ).

I risultati dell'analisi intermedia hanno confermato i risultati di precedenti studi interventistici con Ruxolitinib nella policitemia vera. ( Xagena2020 )

Fonte: EHA25 - European Hematology Association’s Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro