Janssen Oncology
Roche Ematologia
Linfoma mantellare
ELN 2018

Blinatumomab è più efficace della chemioterapia standard nella leucemia linfoblastica acuta avanzata


Blinatumomab ( Blincyto ), un anticorpo monoclonale bispecifico che consente alle cellule T CD3-positive di riconoscere ed eliminare i blasti di leucemia linfoblastica acuta CD19-positiva, è stato approvato per l'uso nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivante o refrattaria sulla base di studi di gruppo che hanno mostrato efficacia ed effetti tossici gestibili.

In uno studio di fase 3 sono stati assegnati in modo casuale adulti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B pesantemente pretrattata a ricevere Blinatumomab o la chemioterapia standard di cura.

L’endpoint principale era la sopravvivenza globale.

Dei 405 pazienti randomizzati a ricevere Blinatumomab ( n=271 ) o chemioterapia ( n=134 ), 376 hanno ricevuto almeno una dose.

La sopravvivenza complessiva è risultata significativamente più lunga nel gruppo Blinatumomab rispetto al gruppo chemioterapico.

La sopravvivenza complessiva media è stata di 7.7 mesi nel gruppo Blinatumomab e di 4.0 mesi nel gruppo chemioterapia ( hazard ratio per la mortalità con Blinatumomab versus chemioterapia, 0.71; P=0.01 ).

I tassi di remissione entro 12 settimane dopo l'inizio del trattamento sono stati significativamente più elevati nel gruppo Blinatumomab rispetto al gruppo chemioterapico, sia per quanto riguarda la remissione completa con recupero ematologico completo ( 34% vs 16%, P minore di 0.001 ) sia rispetto alla completa remissione con recupero ematologico completo, parziale o incompleto ( 44% contro 25%, P minore di 0.001 ).

Il trattamento con Blinatumomab ha determinato un tasso più elevato di sopravvivenza senza eventi rispetto a quello con la chemioterapia ( stime a 6 mesi, 31% vs 12%; hazard ratio per un evento di ricaduta dopo aver raggiunto una remissione completa con guarigione ematologica completa, parziale o incompleta o morte, 0.55; P minore di 0.001 ), così come una più lunga durata mediana della remissione ( 7.3 vs 4.6 mesi ).

In totale il 24% dei pazienti in ogni gruppo di trattamento è stato sottoposto a trapianto di cellule staminali allogeniche.

Eventi avversi di grado 3 o superiore sono stati riportati nell'87% dei pazienti nel gruppo Blinatumomab e nel 92% dei pazienti nel gruppo chemioterapico.

In conclusione, il trattamento con Blinatumomab ha determinato una sopravvivenza complessiva significativamente più lunga rispetto alla chemioterapia nei pazienti adulti con leucemia linfoblastica acuta da precursori delle cellule B recidivata o refrattaria. ( Xagena2017 )

Kantarjian H et al, N Engl J Med 2017; 376: 836-847

Emo2017 Farma2017


Indietro