Roche Ematologia
Janssen Oncology
Linfoma mantellare
ELN 2018

Bosutinib versus Imatinib nella leucemia mieloide cronica di nuova diagnosi: studio BFORE


Bosutinib ( Bosulif ) è un potente inibitore della chinasi SRC/ABL approvato per gli adulti con leucemia mieloide cronica ( CML ) positiva al cromosoma Philadelphia resistenti e/o intolleranti a una precedente terapia.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Bosutinib rispetto a Imatinib ( Glivec ) per il trattamento di prima linea della leucemia mieloide cronica in fase cronica.

Nello studio BFORE di fase III, 536 pazienti con leucemia mieloide cronica in fase cronica di nuova diagnosi sono stati assegnati casualmente a ricevere 400 mg di Bosutinib una volta al giorno ( n=268 ) o Imatinib ( n=268 ).
Per protocollo, l'efficacia è stata valutata in pazienti che erano positivi al cromosoma Philadelphia con trascritti tipici ( e13a2 / e14a2 ) ( Bosutinib, n=246; Imatinib, n=241 ).

I pazienti con stato cromosoma Philadelphia-negativo / BCR-ABL1-positivo e quelli con stato cromosoma Philadelphia-sconosciuto e/o trascritto BCR-ABL1 atipico sono stati esclusi da questa popolazione.

Il tasso di risposta molecolare maggiore ( MMR ) a 12 mesi ( endpoint primario ) è risultato significativamente più alto con Bosutinib rispetto a Imatinib ( 47.2% vs 36.9%, rispettivamente; P=0.02 ), così come la risposta citogenetica completa ( CCyR ) a 12 mesi ( 77.2% vs 66.4%, rispettivamente; P=0.0075 ).

L'incidenza cumulativa è stata favorevole con Bosutinib ( MMR: hazard ratio, HR=1.34; P=0.0173; CCyR: HR=1.38; P minore di 0.001 ), con tempi di risposta precoci.
4 pazienti ( 1.6% ) trattati con Bosutinib e 6 pazienti ( 2.5% ) trattati con Imatinib hanno presentato progressione della malattia verso una fase accelerata / esacerbazione.

Tra i pazienti trattati, il 22.0% dei pazienti trattati con Bosutinib e il 26.8% dei pazienti trattati con Imatinib hanno interrotto il trattamento, più comunemente per tossicità correlata al farmaco ( rispettivamente 12.7% e 8.7% ). 
Diarrea di grado maggiore o uguale a 3 ( 7.8% vs 0.8% ) e aumento di ALT ( 19.0% vs 1.5% ) e AST ( 9.7% vs 1.9% ) erano più comuni con Bosutinib.
Le tossicità cardiache e vascolari sono state rare.

In conclusione, i pazienti che hanno ricevuto Bosutinib hanno mostrato tassi significativamente più alti di risposta molecolare maggiore e risposta citogenetica completa, e hanno ottenuto risposte più velocemente di quelli che hanno ricevuto Imatinib.
Coerentemente con il profilo di sicurezza noto, gli eventi gastrointestinali e le elevazioni delle transaminasi erano più comuni con Bosutinib.
I risultati hanno indicato che Bosutinib può essere un trattamento efficace di prima linea per la leucemia mieloide cronica in fase cronica. ( Xagena2018 )

Cortes JE et al, J Clin Oncol 2018; 36: 231-237

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro