GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology

BRCA1 e BRCA2 potrebbero avere un ruolo nei pazienti con neoplasie mieloproliferative familiari


Secondo una ricerca, le mutazioni dei geni BRCA1 e BRCA2 potrebbero svolgere un ruolo nello sviluppo delle neoplasie mieloproliferative ( MPN ) familiari .

Le neoplasie mieloproliferative sono state in precedenza correlate a JAK2, CALR e MPL.
Vi sono inoltre evidenze che l'ereditarietà possa svolgere un ruolo nelle neoplasie mieloproliferative, con malattie familiari che si verificano fino all'8% di tutti i casi.
L'aplotipo JAK2 46/1, ad esempio, è collegato a un aumento del rischio di neoplasie mieloproliferative fino al 400%.

Tuttavia, non è chiaro fino a che punto altre varianti della linea germinale possano avere un ruolo nello sviluppo delle neoplasie mieloproliferative.

Per questo studio, i ricercatori hanno cercato di identificare, utilizzando il sequenziamento dell'intero esoma, qualsiasi variante della linea germinale rilevabile in un gruppo di 5 famiglie con una storia di neoplasie mieloproliferative.

Tutte le famiglie incluse avevano coppie genitore-figlio o coppie di fratelli, entrambe con diagnosi di neoplasie mieloproliferative; tutte le famiglie incluse erano portatrici della variante JAK2 V617F.
In 4 ( 80% ) dei gruppi familiari, i ricercatori hanno notato geni legati alla predisposizione al tumore, inclusi BRCA1 e BRCA2.

In una delle famiglie, una sorella femmina con una mutazione con perdita di funzione in BRCA1 ha sviluppato sia la neoplasia mieloproliferativa che il carcinoma uterino entro 8 anni l'uno dall'altro.

Poiché la ricerca precedente aveva indicato che l'uso di Ruxolitinib ( Jakavi ) può ridurre i livelli di BRCA nella neoplasia mieloproliferativa con mutazione JAK2 V617F, i pazienti con mutazioni BRCA1/2 e neoplasia mieloproliferativa possono rispondere all'inibizione di PARP ( poli (ADP-ribosio) polimerasi ).

In sintesi, i dati hanno indicato che le neoplasie mieloproliferative sono più frequentemente innescate da mutazioni germinali rispetto a quanto precedentemente ipotizzato e, al contrario, lo spettro delle sindromi di predisposizione tumorale note sembra essere più ampio del previsto. ( Xagena2021 )

Fonte: Blood Advances, 2021

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro