ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Brentuximab vedotin e chemioterapia con Doxorubicina, Vinblastina e Dacarbazina per i pazienti anziani con linfoma di Hodgkin classico non-trattato


Per migliorare la curabilità dei pazienti più anziani con linfoma di Hodgkin di nuova diagnosi è stato condotto uno studio multicentrico di fase II che ha somministrato Brentuximab vedotin ( Adcetris ) sequenzialmente prima e dopo Doxorubicina standard, Vinblastina e Dacarbazina ( regime AVD ) per pazienti non-trattati con linfoma di Hodgkin di età uguale o superiore a 60 anni.
Dopo due dosi iniziali di Brentuximab vedotin come singolo agente ( 1.8 mg/kg una volta ogni 3 settimane ), i pazienti hanno ricevuto 6 cicli di chemioterapia AVD seguiti da 4 dosi consolidative di Brentuximab vedotin nei pazienti responder.

Le caratteristiche del paziente includevano un'età mediana di 69 anni ( range da 60 a 88 anni ), 63% maschi, ECOG performance status mediano 1, 81% in stadio da III a IV, 60% con punteggio IPS ( International Prognostic Score ) da 3 a 7, punteggio mediano di comorbidità CIRS-G ( Cumulative Illness Rating Scale-Geriatric ) di 7 ( 52% grado 3-4 ), 12% con perdita di attività strumentali della vita quotidiana alla diagnosi.

37 pazienti su 48 ( 77% ) hanno completato 6 cicli di regime chemioterapico AVD e 35 pazienti ( 73% ) hanno ricevuto almeno un consolidamento con Brentuximab vedotin.
La risposta globale e i tassi di remissione completa dopo la dose iniziale di Brentuximab vedotin sono stati 18 su 22 ( 82% ) e 8 su 22 ( 36% ), rispettivamente, e 40 su 42 ( 95% ) e 34 su 42 ( 90% ), rispettivamente, dopo 6 cicli di regime AVD tra 42 pazienti con risposta valutabile.

20 pazienti su 48 ( 42% ) hanno presentato un evento avverso di grado 3-4, più comunemente neutropenia ( 44% ), neutropenia febbrile e polmonite ( 8% ) o diarrea ( 6% ); il 33% presentava neuropatia periferica di grado 2, reversibile nella maggior parte dei pazienti.

Secondo intent-to-treat, la sopravvivenza libera da eventi a 2 anni, la sopravvivenza libera da progressione e i tassi di sopravvivenza globale sono stati, rispettivamente, 80%, 84% e 93%.

Inoltre, i tassi di sopravvivenza libera da progressione a 2 anni per i pazienti con un punteggio di comorbidità alla scala CIRS-G maggiore o uguale a 10 rispetto a inferiore a 10 sono stati, rispettivamente, pari al 45% versus 100% ( P minore di 0.001 ), e i pazienti con perdita basale rispetto a nessuna perdita di attività strumentali della vita quotidiana sono stati, rispettivamente, pari al 25% versus 94% ( P minore di 0.001 ), persistente su analisi multivariata.

In conclusione, complessivamente, la terapia sequenziale Brentuximab vedotin - chemioterapia AVD è risultata ben tollerata ed è stata associata a risultati robusti.
Inoltre, le misurazioni geriatriche erano fortemente associate alla sopravvivenza del paziente. ( Xagena2018 )

Evens AM et al, J Clin Oncol 2018; 36: 3015-3022

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro