ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Cablivi, il primo medicinale a base di nanoanticorpo, per adulti con porpora trombotica trombocitopenica acquisita, approvata dalla FDA


La FDA ( US Food and Drug Administration ) ha approvato Cablivi ( Caplacizumab-yhdp ) in combinazione con lo scambio plasmatico e l'immunosoppressione per il trattamento della porpora trombotica trombocitopenica acquisita ( aTTP ) negli adulti.
Cablivi è la prima terapia approvata dalla FDA specificatamente indicata per il trattamento della porpora trombotica trombocitopenica acquisita.

Caplacizumab ha come bersaglio il fattore von Willebrand ( vWF ), una proteina nel sangue coinvolta nell'emostasi. È progettato per inibire l'interazione tra vWF e piastrine.

Cablivi è un nano-anticorpo anti-vWF, ed è il primo farmaco a base di nano-anticorpo a ricevere l'approvazione negli Stati Uniti.
I nano-anticorpi rappresentano una nuova classe di proteine terapeutiche basate su frammenti di anticorpo a singolo dominio che contengono le proprietà strutturali e funzionali uniche degli anticorpi a catena pesante presenti in natura.

Cablivi ha ricevuto la designazione Fast Track da parte della FDA, ed è stata valutata nell'ambito della Priority Review, riservata ai farmaci che rappresentano significativi miglioramenti in termini di sicurezza o di efficacia nel trattamento di gravi condizioni patologiche.

L'approvazione di Cablivi negli Stati Uniti si basa sui risultati dello studio clinico pivotale, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di fase 3 noto come HERCULES.
Questo studio ha valutato l'efficacia di Caplacizumab in combinazione con lo scambio plasmatico e la terapia immunosoppressiva ( n = 72 ) rispetto al placebo, allo scambio plasmatico e alla terapia immunosoppressiva ( n = 73 ) in 145 adulti che hanno presentato un episodio di porpora trombotica trombocitopenica acquisita.

Nello studio HERCULES, il trattamento con Caplacizumab in combinazione con scambio plasmatico e immunosoppressione ha determinato un tempo significativamente più breve per la risposta alla conta piastrinica rispetto allo scambio plasmatico e alla sola immunosoppressione ( hazard ratio, HR = 1.55 [ 1.10; 2.20 ] p = 0.01 ), endpoint primario di efficacia.
Negli endpoint secondari, Caplacizumab ha mostrato una riduzione significativa dell'endpoint composito di morte correlata alla porpora trombotica trombocitopenica acquisita, recidiva di aTTP o un evento tromboembolico maggiore durante il trattamento farmacologico rispetto allo scambio plasmatico e alla sola immunosoppressione ( 12.7% vs 49.3%; p inferiore a 0.0001 ); e una percentuale significativamente più bassa di recidive di porpora trombotica trombocitopenica acquisita nel periodo complessivo dello studio rispetto allo scambio plasmatico e alla sola immunosoppressione ( 13% vs 38%; p inferiore a 0.001 ).

Negli studi clinici HERCULES e TITAN ( fase 2 ), le reazioni avverse segnalate con maggiore frequenza sono state: epistassi nel 29%, mal di testa nel 21% e sanguinamento gengivale nel 16%.
Nel gruppo placebo sono stati segnalati due decessi nello studio TITAN e tre decessi nello studio HERCULES.
Nessun decesso è stato segnalato durante il periodo di trattamento farmacologico nel gruppo Cablivi negli studi TITAN e HERCULES.
Tuttavia, è stato riportato un decesso nello studio HERCULES durante il periodo di follow-up libero dal trattamento, che è stato ritenuto non correlato al trattamento con Cablivi.

Cablivi deve essere somministrato all'inizio della terapia di scambio plasmatico, sulla base di una diagnosi di porpora trombotica trombocitopenica acquisita.
Cablivi viene somministrato per la prima volta come iniezione endovenosa da 11 mg prima dello scambio plasmatico, seguita da una iniezione sottocutanea da 11 mg dopo il completamento dello scambio plasmatico il giorno 1.
Durante il quotidiano scambio di plasma e 30 giorni dopo lo scambio di plasma giornaliero, i pazienti vengono trattati, quotidianamente, con 11 mg di Cablivi mediante iniezione sottocutanea.
Se dopo il trattamento iniziale i sintomi della patologia di base non sono risolti, il trattamento può essere ulteriormente esteso per un massimo di 28 giorni.
L'iniezione sottocutanea può essere somministrata da un paziente / caregiver seguendo un adeguato allenamento.

La porpora trombotica trombocitopenica acquisita è una rara malattia del sangue autoimmune, pericolosa per la vita; viene considerata una emergenza medica. Per alcuni pazienti potrebbero essere necessarie misure rianimatorie e l'esito immediato potrebbe non essere prevedibile.
Nella maggior parte dei casi, i pazienti vengono abitualmente trattati in Unità di terapia intensiva ( ICU ) durante i primi giorni successivi alla diagnosi di porpora trombotica trombocitopenica acquisita.
Si stima che fino al 20% dei pazienti muoia a causa di episodi di porpora trombotica trombocitopenica, nonostante i trattamenti attualmente disponibili ( scambio plasmatico e immunosoppressione ), con la maggior parte dei decessi che si verifica entro 30 giorni dalla diagnosi.
Negli Stati Uniti, la porpora trombotica trombocitopenica acquisita colpisce meno di 2.000 adulti ogni anno.
Nella porpora trombotica trombocitopenica acquisita, l'accumulo di fattore vWF ultra-largo causa una estesa formazione di coaguli nei piccoli vasi sanguigni in tutto il corpo, portando a grave trombocitopenia, anemia emolitica microangiopatica e ischemia. (Xagena2019 )

Fonte: Sanofi, 2019

Emo2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro