ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Chemiommunoterapia di salvataggio con Inotuzumab ozogamicin associato a mini-iper-CVD per pazienti con leucemia linfoblastica acuta negativa al cromosoma Philadelphia recidivata o refrattaria


L'esito dei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivante o refrattaria ( ALL R/R ) è sfavorevole.
Inotuzumab ozogamicin ( Besponsa ), un anticorpo monoclonale CD22 legato alla calicheamicina, ha attività di agente singolo nella ALL R/R.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Inotuzumab ozogamicin più chemioterapia a bassa intensità nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta recidivante o refrattaria.

È stato condotto uno studio a braccio singolo di adulti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B R/R presso lo University of Texas MD Anderson Cancer Center, Houston.
La chemioterapia utilizzata è stata di intensità inferiore rispetto a iper-CVAD ( Ciclofosfamide, Vincristina, Doxorubicina e Desametasone ) ed è indicata come mini-iper-CVD ( mini-HCVD: Ciclofosfamide e Desametasone con riduzione della dose del 50%, assenza di Antraciclina, Metotrexato con riduzione della dose del 75% e Citarabina a  dosi di 0.5 g/m2 x 4 ).
Inotuzumab è stato somministrato al giorno 3 dei primi 4 cicli a 1.8 e 1.3 mg/m2 per il ciclo 1 seguito del 1.3-1.0 mg/m2 per i cicli successivi.

Gli endpoint primari erano il tasso di risposta globale e la sopravvivenza globale ( OS ). Gli endpoint secondari comprendevano la sicurezza, la sopravvivenza senza recidive ( RFS ), il tasso di trapianto di cellule staminali allogeniche ( ASCT ) e il tasso di negatività alla malattia minima residua ( MRD ).

Sono stati trattati 59 pazienti ( 30 donne e 29 uomini ) con un'età media di 35 anni.
Complessivamente, 46 pazienti ( 78% ) hanno risposto, e 35 di questi ( 59% ) hanno ottenuto una risposta completa.
Il tasso complessivo di negatività alla malattia minima residua tra i responder è stato dell'82%. 26 pazienti ( 44% ) hanno ricevuto trapianto ASCT.

Gli effetti tossici di grado 3-4 hanno compreso trombocitopenia prolungata ( 81%; n=48 ), infezioni ( 73%; n=43 ) e iperbilirubinemia ( 14%; n=8 ).
La malattia veno-occlusiva si è verificata in 9 pazienti ( 15% ).

Con un follow-up mediano di 24 mesi, la sopravvivenza libera da recidiva e la sopravvivenza globale mediane sono risultate rispettivamente pari a 8 e 11 mesi.
I tassi di sopravvivenza libera da recidiva e sopravvivenza globale a 1 anno sono stati rispettivamente del 40% e del 46%.
Le percentuali di sopravvivenza globale a 1 anno per i pazienti trattati in salvataggio 1, salvataggio 2 e salvataggio 3 o oltre sono state, rispettivamente, pari a 57%, 26% e 39% ( P=0.03 ).

In conclusione, la combinazione di Inotuzumab con la chemioterapia mini-HCVD a bassa intensità ha mostrato risultati incoraggianti nella leucemia linfoblastica acuta recidivante o refrattaria.
Il rischio di malattia veno-occlusiva deve essere considerato attentamente nei pazienti con precedenti danni al fegato e tra i candidati al trapianto. ( Xagena2018 )

Jabbour E et al, JAMA Oncol 2018; 4: 230-234

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro