Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Ciltacabtagene autoleucel, una terapia con cellule T che esprimono un recettore chimerico per l'antigene diretto verso l'antigene di maturazione delle cellule B in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario: studio CARTITUDE-1


CARTITUDE-1 ha valutato la sicurezza e l'attività clinica di Ciltacabtagene autoleucel ( Cilta-cel; Carvykt ), una terapia con cellule T che esprimono un recettore chimerico per l'antigene ( CAR ) con due anticorpi a singolo dominio diretti contro l'antigene di maturazione delle cellule B, nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario con prognosi infausta.

Questo studio a braccio singolo, in aperto, di fase 1b/2, condotto in 16 Centri negli Stati Uniti, ha arruolato pazienti di età pari o superiore a 18 anni con una diagnosi di mieloma multiplo e un punteggio ECOG performance status pari a 0 o 1, che hanno ricevuto 3 o più linee di terapia precedenti o erano doppiamente refrattari a un inibitore del proteasoma e a un farmaco immunomodulatore e avevano ricevuto un inibitore del proteasoma, un farmaco immunomodulatore e un anticorpo anti-CD38.

Una singola infusione di Cilta-cel ( dose target 0.75 x 10(6) cellule T CAR-positive vitali per kg ) è stata somministrata 5-7 giorni dopo l'inizio della linfodeplezione.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la conferma della dose raccomandata di fase 2 ( fase 1b ) e il tasso di risposta globale ( fase 2 ) in tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento.
Gli endpoint secondari chiave erano la durata della risposta e la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2018 e il 2019 sono stati arruolati 113 pazienti. 97 ( 29 nella fase 1b e 68 nella fase 2 ) hanno ricevuto un'infusione di Cilta-cel alla dose raccomandata di fase 2 di 0.75 x 10(6) cellule T CAR-positive vitali per kg.

Al cutoff clinico del settembre 2020, il follow-up mediano era di 12.4 mesi. 97 pazienti con una mediana di 6 precedenti terapie hanno ricevuto Cilta-cel.

Il tasso di risposta globale ( OR ) è stato del 97% ( 94 su 97 pazienti ); 65 ( 67% ) hanno ottenuto una risposta completa rigorosa; il tempo alla prima risposta è stato di 1 mese.
Le risposte sono diventate più profonde nel tempo.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta, né lo è stata la sopravvivenza libera da progressione.
Il tasso di assenza di progressione a 12 mesi è stato del 77% e il tasso di sopravvivenza globale è stato dell'89%.

Gli eventi avversi ematologici sono stati comuni; eventi avversi ematologici di grado 3-4 sono stati neutropenia ( 92 su 97 pazienti, 95% ), anemia ( 66, 68% ), leucopenia ( 59, 61% ), trombocitopenia ( 58, 60% ) e linfopenia ( 48, 50% ).

La sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) si è verificata in 92 dei 97 pazienti ( 95%; il 4% era di grado 3 o 4 ), con tempo mediano all'insorgenza di 7.0 giorni e durata mediana di 4.0 giorni.
La sindrome da rilascio di citochine si è risolta in tutti i pazienti tranne uno con sindrome CRS di grado 5 e linfoistiocitosi emofagocitica.

La neurotossicità delle cellule CAR-T si è verificata in 20 pazienti ( 21%; il 9% era di grado 3 o 4 ).

Nello studio si sono verificati 14 decessi; 6 a causa di eventi avversi correlati al trattamento, 5 a causa di malattia progressiva e 3 a causa di eventi avversi non-correlati al trattamento.

Una singola infusione di Cilta-cel alla dose target di 0.75 x 10(6) cellule T CAR-positive vitali per kg ha portato a risposte precoci, profonde e durature nei pazienti pesantemente pretrattati con mieloma multiplo con un profilo di sicurezza gestibile. ( Xagena2021 )

Berdeja JG et al, Lancet 2021; 389; 314-324

Emo2021 Onco2021 Farma2021



Indietro