ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Combinazione di Ivosidenib e Azacitidina nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi con mutazione del gene IDH1


I pazienti anziani con leucemia mieloide acuta ( LMA ) non-adatti alla chemioterapia ad alte dosi hanno opzioni di trattamento limitate e una prognosi sfavorevole.
L'approvazione di agenti ipometilanti, come l'Azacitidina ( Vidaza ), in monoterapia nei pazienti anziani, si è basata sui risultati di uno studio di fase III.
Lo studio ha dimostrato un tasso di sopravvivenza a 1 anno del 46.5% con un tasso di risposta globale ( ORR ) del 27.8% e un tasso di remissione completa ( CR ) del 19.5%.

Recentemente, l'Azacitidina in combinazione con Venetoclax ( Venclyxto ) è stata anche approvata dalla FDA ( US Food and Drug Administration ) sulla base di due studi in aperto.
Questa combinazione su 145 pazienti ha raggiunto un tasso ORR del 67%, un tasso di risposta completa ( CR ) del 37% e un tasso di sopravvivenza globale ( OS ) a 1 anno del 59%.
Azacitidina e Venetoclax rappresentano un attuale standard di cura per i pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi che non possono tollerare un trattamento intensivo.

Con l'introduzione di Ivosidenib ( Tibsovo ), un inibitore di IDH1, c'è la possibilità di agire direttamente sulle mutazioni del gene IDH1 ( muIDH1 ), presenti in circa il 10% dei pazienti con leucemia mieloide acuta.

Se impiegato in monoterapia nei pazienti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi, muIDH1, Ivosidenib ha mostrato di indurre una risposta globale del 54.4% e una risposta completa del 42.4%.

Uno studio di fase Ib, condotto da ricercatori dell'Anderson Cancer Center dell'Università del Texas ( Houston ) negli Stati Uniti, ha valutato la sicurezza e l'efficacia della combinazione di Ivosidenib e Azacitidina.

Sono stati reclutati 23 pazienti adulti con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi muIDH1, non-idonei alla chemioterapia intensiva.
Il trattamento consisteva in Ivosidenib 500 mg una volta al giorno in cicli continui di 28 giorni e Azacitidina 75 mg/m2/die per via sottocutanea nei giorni 1-7 in ciascun ciclo di 28 giorni.
I 27 pazienti avevano un'età media ( intervallo ) di 76 anni ( 61-88 ).

Al momento del cut-off dei dati, il follow-up mediano era di 16.1 mesi. L'intervallo del numero di cicli di trattamento era 1-30, con una mediana di 15 cicli.
Dieci pazienti ( 43.5% ) sono rimasti in trattamento.
Le ragioni principali per l'interruzione erano una malattia progressiva, la decisione del medico e il ritiro dallo studio del paziente.

La sopravvivenza globale a 12 mesi è stata dell'82% ( IC al 95%, 58.8-92.8 ); il tasso di risposta globale è stato del 78.3% ( IC 95%, 56.3 - 92.5 ) con il tempo mediano alla risposta di 1.8 mesi ( IC 95%, 0.7 - 3.8 ).
Il tasso di risposta completa è stato pari al 60.9% ( IC al 95%, 38.5 - 80.3 ) con un tempo mediano alla risposta completa di 3.7 mesi ( IC al 95%, 0.8 - 15.7 ).
La durata mediana della risposta non è stata raggiunta al momento del cut-off dei dati.
E' stata osservata una buona concordanza tra la clearance della mutazione IDH e la risposta completa.

I più comuni eventi avversi erano trombocitopenia, seguita da nausea e diarrea,

La trombocitopenia, l'anemia e la neutropenia febbrile erano i principali eventi avversi di grado 3-4.

Sono stati registrati sei decessi; nessuno è stato considerato correlato al trattamento ( tre erano in trattamento a causa di sepsi e tre in follow-up a causa della progressione della malattia ).

In conclusione, i dati sull'efficacia della combinazione di Ivosidenib e Azacitidina nei pazienti con leucemia mieloide acuta con mutazione IDH1 appaiono incoraggianti.
Il profilo di sicurezza riportato è coerente con le monoterapie a base di Ivosidenib e Azacitidina. ( Xagena2019 )

Fonte: Society of Hematologic Oncology ( SOHO ) Meeting, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro