ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Daratumumab in monoterapia diretto contro CD38 nel mieloma multiplo


Le cellule del mieloma multiplo sopra-esprimono uniformemente CD38. È stato studiato Daratumumab, un anticorpo monoclonale IgG1k umano mirato contro CD38, in uno studio di fase 1-2, che ha coinvolto pazienti affetti da mieloma recidivato o mieloma recidivato refrattario a due o più linee di terapia precedenti.

Nella fase 1, la fase a dosi crescenti, Daratumumab è stato somministrato ai dosaggi di 0.005-24 mg per chilogrammo di peso corporeo.
Nella fase 2, la fase di espansione della dose, 30 pazienti hanno ricevuto 8 mg di Daratumumab per kg e 42 hanno ricevuto 16 mg per kg, somministrati una volta alla settimana ( 8 dosi ), 2 volte al mese ( 8 dosi ), e mensilmente per un massimo di 24 mesi.

Gli endpoint hanno incluso sicurezza, efficacia e farmacocinetica.

Nessuna dose massima tollerata è stata identificata nella fase 1.

Nella fase 2, il tempo mediano dalla diagnosi è stato di 5.7 anni.

I pazienti avevano ricevuto una mediana di 4 trattamenti precedenti; il 79% dei pazienti aveva una malattia refrattaria all'ultima terapia ricevuta ( 64% presentava malattia refrattaria a inibitori del proteasoma e farmaci immunomodulatori e il 64% aveva malattia refrattaria a Bortezomib e Lenalidomide ), e il 76% aveva ricevuto un trapianto di cellule staminali autologhe.

Le reazioni correlate all’infusione nella fase 2 sono state lievi ( 71% dei pazienti ha presentato un evento di qualsiasi grado, e l'1% ha avuto un evento di grado 3 ), senza eventi avversi dose-dipendenti.
Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o 4 ( nel 5% o più dei pazienti ) sono stati: polmonite e trombocitopenia.

La percentuale di risposta complessiva è stata del 36% nella coorte che ha ricevuto 16 mg per kg ( 15 pazienti hanno avuto una risposta parziale o migliore, di cui 2 una risposta completa e 2 una risposta parziale molto buona ) e del 10% nella coorte che ha ricevuto 8 mg per kg ( 3 pazienti hanno avuto una risposta parziale ).
Nella coorte che ha ricevuto 16 mg per kg, la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 5.6 mesi, e il 65% dei pazienti che ha avuto una risposta non ha avuto progressione a 12 mesi.

In conclusione, Daratumumab in monoterapia ha avuto un profilo di sicurezza favorevole e un’efficacia incoraggiante nei pazienti pesantemente pretrattati con mieloma refrattario. ( Xagena2015 )

Lokhorst HM et al, N Engl J Med 2015; 373: 1027-1219

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro