ELN 2018
Roche Ematologia
Janssen Oncology
Ematobase.it

Daratumumab in monoterapia per il mieloma multiplo refrattario al trattamento


Sono necessarie nuove opzioni di trattamento per i pazienti con mieloma multiplo refrattario agli inibitori del proteasoma e ai farmaci immunomodulatori.
È stato valutato Daratumumab ( Darzalex ), un nuovo anticorpo monoclonale diretto a CD38, in pazienti con mieloma multiplo refrattario.

Nello studio SIRIUS, in aperto, multicentrico, di fase 2, effettuato in Canada, Spagna e Stati Uniti, i pazienti ( età a partire da 18 anni ) affetti da mieloma multiplo che sono stati precedentemente trattati con almeno tre linee di terapia ( compresi gli inibitori del proteasoma e i farmaci immunomodulatori ), oppure erano refrattari sia agli inibitori del proteasoma che ai farmaci immunomodulatori, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere per via endovenosa Daratumumab 8 mg/kg o 16 mg/kg nella parte 1 della fase 1 dello studio, per decidere la dose per una ulteriore valutazione nella parte 2.

I pazienti hanno ricevuto 8 mg/kg ogni 4 settimane, o 16 mg/kg alla settimana per 8 settimane ( cicli 1 e 2 ), poi ogni 2 settimane per 16 settimane ( cicli 3-6 ), e successivamente ogni 4 settimane da lì in poi ( ciclo 7 e successivi ).

Nella parte 1 della fase 2 e nella parte 2, i pazienti hanno ricevuto 16 mg/kg dosati come nella parte 1 della fase 1.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( risposta parziale [ PR ] + PR molto buona + risposta completa [ CR ] + CR stringente ).

Tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Daratumumab sono stati inclusi nell'analisi.

Lo studio è in corso.

Nella parte 1 fase 1 dello studio, 18 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 8 mg/kg e 16 a 16 mg/kg.
I risultati sono stati riportati per i 106 pazienti che hanno ricevuto Daratumumab 16 mg/kg nelle parti 1 e 2.

I pazienti hanno ricevuto una mediana di cinque linee precedenti di terapia.
85 pazienti ( 80% ) avevano precedentemente ricevuto un trapianto di cellule staminali autologhe, 101 ( 95% ) erano refrattari ai più recenti inibitori del proteasoma e ai farmaci immunomodulatori utilizzati, e 103 ( 97% ) erano refrattari all'ultima linea di terapia.

Complessivamente sono state osservate risposte in 31 pazienti ( 29.2% ); 3 ( 2.8% ) con risposta completa stringente, 10 ( 9.4% ) con risposta parziale molto buona, e 18 ( 17% ) con risposta parziale.

Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 1.0 mese.

La durata mediana della risposta è stata di 7.4 mesi e la sopravvivenza libera da progressione è stata di 3.7 mesi.

La sopravvivenza globale a 12 mesi è stata del 64.8% e, a un successivo cutoff, la sopravvivenza mediana globale è stata di 17.5 mesi.

Daratumumab è risultato ben tollerato; affaticamento ( 42 pazienti, 40% ) e anemia ( 35, 33% ) di ogni grado sono stati gli eventi avversi più comuni.
Non ci sono stati eventi avversi correlati al farmaco che abbiano portato alla sospensione del trattamento.

Daratumumab in monoterapia ha mostrato incoraggiante efficacia nei pazienti pesantemente pretrattati e refrattari affetti da mieloma multiplo, con un profilo di sicurezza favorevole in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2016 )

Lonial S et al, Lancet 2016; 387: 1551-1560

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro