Janssen Oncology
Roche Ematologia
ELN 2018
Ematobase.it

Daratumumab, Lenalidomide e Desametasone per il mieloma multiplo


Daratumumab ( Darzalex ) ha mostrato promettente efficacia da solo e associato a Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone in uno studio di fase 1-2 che ha coinvolto pazienti con mieloma multiplo recidivo o refrattario.

In questo studio di fase 3 sono stati randomizzati 569 pazienti con mieloma multiplo che avevano ricevuto una o più linee, precedenti, di terapia a ricevere Lenalidomide e Desametasone da soli ( gruppo di controllo ) o in combinazione con Daratumumab ( gruppo Daratumumab ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

A un follow-up mediano di 13.5 mesi sono stati osservati 169 eventi di progressione della malattia o di morte ( in 53 dei 286 pazienti, 18.5%, nel gruppo Daratumumab vs 116 su 283, 41.0%, nel gruppo controllo; hazard ratio, HR=0.37; P minore di 0.001 per test di log-rank stratificato ).

Il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stato pari all’83.2% nel gruppo Daratumumab, rispetto a 60.1% nel gruppo controllo.

È stato osservato un tasso di risposta globale significativamente più alto nel gruppo Daratumumab rispetto al gruppo controllo ( 92.9% vs 76.4%, P minore di 0.001 ), così come un più alto tasso di risposta completa o superiore ( 43.1% vs 19.2%, P minore di 0.001 ).

Nel gruppo Daratumumab, il 22.4% dei pazienti ha presentato risultati al di sotto della soglia di malattia minima residua ( 1 cellula tumorale ogni 105 globuli bianchi ), rispetto al 4.6% di quelli nel gruppo controllo ( P minore di 0.001 ); risultati al di sotto della soglia di malattia minima residua sono stati associati a un miglioramento degli esiti.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o 4 sono stati neutropenia durante il trattamento ( nel 51.9% dei pazienti nel gruppo Daratumumab rispetto al 37.0% di quelli nel gruppo di controllo ), trombocitopenia ( nel 12.7% vs 13.5% ) e anemia ( nel 12.4% vs 19.6% ).
Reazioni associate all’infusione correlate a Daratumumab si sono verificate nel 47.7% dei pazienti e sono state per lo più di grado 1 o 2.

In conclusione, l'aggiunta di Daratumumab a Lenalidomide e Desametasone ha significativamente allungato la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.
Daratumumab è stato associato a reazioni correlate all'infusione e a un più alto tasso di neutropenia rispetto alla terapia di controllo. ( Xagena2016 )

Dimopoulos MA et al, N Engl J Med 2016; 375: 1319-1331

Onco2016 Emo2016 Farma2016


Indietro