ELN 2018
Janssen Oncology
Roche Ematologia
Ematobase.it

Daratumumab più Bortezomib, Melfalan e Prednisone per il mieloma non-trattato


La combinazione di Bortezomib, Melfalan e Prednisone è un trattamento standard per i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non sono eleggibili per il trapianto autologo di cellule staminali.
Daratumumab ( Darzalex ) ha mostrato efficacia in combinazione con regimi standard di cura in pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

In uno studio di fase 3, sono stati randomizzati a caso 706 pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non erano eleggibili per il trapianto di cellule staminali a ricevere 9 cicli di Bortezomib, Melfalan e Prednisone da soli ( gruppo controllo ) o con Daratumumab ( gruppo Daratumumab ) fino alla progressione della malattia.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

A un follow-up mediano di 16.5 mesi in un'analisi provvisoria prespecificata, il tasso di sopravvivenza libera da progressione a 18 mesi è stato del 71.6% nel gruppo Daratumumab e 50.2% nel gruppo di controllo ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.50; P minore di 0.001 ).

Il tasso di risposta globale è stato del 90.9% nel gruppo Daratumumab, rispetto al 73.9% nel gruppo di controllo ( P minore di 0.001 ), e il tasso di risposta completa o migliore ( compresa la risposta completa rigorosa ) è stato del 42.6% rispetto al 24.4% ( P minore di 0.001 ).

Nel gruppo Daratumumab, il 22.3% dei pazienti era negativo per malattia minima residua ( a una soglia di 1 cellula tumorale per 105 globuli bianchi ), rispetto al 6.2% di quelli nel gruppo di controllo ( P minore di 0.001 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o 4 sono stati ematologici: neutropenia ( 39.9% dei pazienti nel gruppo Daratumumab e 38.7% di quelli nel gruppo di controllo ), trombocitopenia ( 34.4% e 37.6%, rispettivamente ) e anemia ( rispettivamente,15.9% e 19.8% ).

Il tasso di infezioni di grado 3 o 4 è stato del 23.1% nel gruppo Daratumumab e del 14.7% nel gruppo di controllo; il tasso di interruzione del trattamento a causa di infezioni è stato rispettivamente dello 0.9% e dell'1.4%.
Le reazioni correlate all'infusione legate a Daratumumab si sono verificate nel 27.7% dei pazienti.

Tra i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non erano eleggibili per il trapianto di cellule staminali, Daratumumab combinato con Bortezomib, Melfalan e Prednisone ha comportato un minor rischio di progressione della malattia o morte, rispetto allo stesso regime senza Daratumumab.
Il regime contenente Daratumumab è stato associato a più infezioni di grado 3 o 4. ( Xagena2018 )

Mateos MV et al, N Engl J Med 2018; 378: 518-528

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro