ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Daratumumab più Lenalidomide e Desametasone per il mieloma non-trattato


Lenalidomide ( Revlimd ) più Desametasone è un trattamento standard per i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non sono eleggibili per il trapianto autologo di cellule staminali.
Si è determinato se l'aggiunta di Daratumumab ( Darzalex ) riduca significativamente il rischio di progressione della malattia o morte in questa popolazione.

Sono stati assegnati a caso 737 pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non erano eleggibili per trapianto autologo di cellule staminali a ricevere Daratumumab più Lenalidomide e Desametasone ( gruppo Daratumumab ) oppure Lenalidomide e Desametasone da soli ( gruppo di controllo ).
Il trattamento doveva continuare fino a progressione della malattia o effetti collaterali inaccettabili.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

A un follow-up mediano di 28.0 mesi, la progressione della malattia o la morte si sono verificate in 240 pazienti ( 97 su 368 pazienti, 26.4%, nel gruppo Daratumumab e 143 su 369 pazienti, 38.8%, nel gruppo di controllo ).

La percentuale stimata di pazienti vivi senza progressione della malattia a 30 mesi è stata del 70.6% nel gruppo Daratumumab e 55.6% nel gruppo di controllo ( hazard ratio per progressione della malattia o morte, HR=0.56, P minore di 0.001 ).

La percentuale di pazienti con una risposta completa o migliore è stata del 47.6% nel gruppo Daratumumab e del 24.9% nel gruppo di controllo ( P minore di 0.001 ).

In totale il 24.2% dei pazienti nel gruppo Daratumumab, rispetto al 7.3% dei pazienti nel gruppo di controllo, ha avuto risultati al di sotto della soglia di malattia minima residua ( 1 cellula tumorale per 5 leucociti ) ( P minore di 0.001 ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o 4 sono stati neutropenia ( 50.0% nel gruppo Daratumumab vs 35.3% nel gruppo di controllo ), anemia ( 11.8% vs 19.7% ), linfopenia ( 15.1% vs 10.7% ) e polmonite ( 13.7% vs 7.9% ).

Tra i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non erano eleggibili per trapianto autologo di cellule staminali, il rischio di progressione della malattia o morte è stato significativamente più basso tra coloro che avevano ricevuto Daratumumab più Lenalidomide e Desametasone rispetto a quelli trattati con Lenalidomide e Desametasone da soli.
Nel gruppo Daratumumab è stata osservata una maggiore incidenza di neutropenia e polmonite. ( Xagena2019 )

Facon TH et al, N Engl J Med 2019; 380: 2104-2115

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro