Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Diversità del microbiota intestinale prima del trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche come predittore di mortalità nei bambini


La correlazione esistente tra diversità del microbiota intestinale e sopravvivenza dopo trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche ( allo-HSCT ) è stata finora studiata negli adulti.

Gli studi pediatrici si chiedono se questa associazione si applichi anche ai bambini. Campioni di feci provenienti da una coorte multicentrica di 90 destinatari pediatrici di allo-HSCT sono stati analizzati utilizzando il sequenziamento dell'amplicone di RNA ribosomiale 16S per profilare il microbiota intestinale e stimare la diversità con l'indice di Shannon.

Per caratterizzare la struttura ecologica del microbiota intestinale è stato utilizzato un approccio di rete da globale a locale.

I pazienti sono stati stratificati in gruppi con diversità più alta e più bassa in due momenti temporali: prima del trapianto e al momento dell'attecchimento dei neutrofili.

Il gruppo con la diversità più elevata prima del trapianto ha mostrato una maggiore probabilità di sopravvivenza globale ( 88.9% vs 62.7%; P=0.011 ) e una minore incidenza di malattia acuta del trapianto contro l'ospite ( aGVHD ) di grado da 2 a 4 e di grado da 3 a 4.

Non è stata osservata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza libera da recidiva tra i 2 gruppi ( 80.0% vs 55.4%; P=0.091 ).

Il gruppo con la diversità più elevata era caratterizzato da una maggiore abbondanza relativa di famiglie microbiche potenzialmente correlate alla salute, come Ruminococcaceae e Oscillospiraceae.

Per contro, il gruppo con la diversità più bassa ha mostrato una sovrabbondanza di Enterococcaceae ed Enterobacteriaceae. L’analisi di rete ha rilevato produttori di acidi grassi a catena corta, come Blautia, Faecalibacterium, Roseburia e Bacteroides, come elementi principali nel gruppo con maggiore diversità.

Enterococcus, Escherichia-Shigella e Enterobacter erano invece gli elementi principali rilevati nel gruppo con diversità inferiore.

Questi risultati hanno indicato che la diversità e la composizione del microbiota intestinale prima del trapianto sono correlate alla sopravvivenza e alla probabilità di sviluppare malattia acuta del trapianto contro l'ospite. ( Xagena2023 )

Masetti R et al, Blood 2023 142: 1387-1398

Emo2023 Pedia2023



Indietro