ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Dosaggio settimanale di Carfilzomib una volta a settimana rispetto a due volte nei pazienti con mieloma multiplo recidivato e refrattario: studio A.R.R.O.W.


Carfilzomib ( Kyprolis ) due volte a settimana a 27 mg/m2 è approvato per il trattamento del mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Lo studio di fase 1/2 CHAMPION-1, il primo studio ad esaminare la somministrazione di Carfilzomib una volta alla settimana, ha stabilito la dose massima tollerata a 70 mg/m2 in combinazione con Desametasone.

È stata confrontata la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con mieloma multiplo recidivante e refrattario a cui è stato somministrato Carfilzomib una volta alla settimana o due volte alla settimana.

In questa analisi intermedia prespecificata dello studio randomizzato, in aperto, di fase 3 A.R.R.O.W. sono stati reclutati pazienti di età a partire da 18 anni con mieloma multiplo recidivante e refrattario precedentemente trattato con due o tre trattamenti, tra cui un inibitore del proteasoma e un agente immunomodulatore.

I criteri chiave di ammissibilità sono stati refrattarietà alla terapia più recente ( incluso Bortezomib o Ixazomib ) con malattia misurabile e ECOG performance status di 0 o 1.
I pazienti sono stati assegnati casualmente a ricevere Carfilzomib una volta a settimana ( 70 mg/m2 ) o due volte a settimana ( 27 mg/m2 ).

I pazienti sono stati stratificati in base allo stadio International Staging System all'ingresso nello studio o al basale, indipendentemente dal fatto che fossero refrattari al trattamento con Bortezomib ( Velcade ), ed età.

Il gruppo una volta a settimana ha ricevuto Carfilzomib ( infusione endovenosa di 30 minuti ) nei giorni 1, 8 e 15 di tutti i cicli ( 20 mg/m2 al giorno 1, ciclo 1; 70 mg/m2 da lì in poi ).
Il gruppo due volte a settimana ha ricevuto Carfilzomib ( infusione endovenosa di 10 minuti ) nei giorni 1, 2, 8, 9, 15 e 16 ( 20 mg/m2 nei giorni 1 e 2 durante il ciclo 1; 27 mg/m2 in seguito ).
Tutti i pazienti hanno ricevuto Desametasone ( 40 mg nei giorni 1, 8, 15 tutti i cicli e 22 solo nei cicli 1-9 ).
Il trattamento è continuato fino a progressione della malattia o ad effetti tossici inaccettabili

L'obiettivo principale era confrontare la sopravvivenza libera da progressione tra i gruppi nella popolazione intention-to-treat.
L'analisi di sicurezza è stata effettuata in tutti i pazienti assegnati a caso che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2015 e il 2016, 578 pazienti sono stati reclutati da 118 Centri.
478 pazienti sono stati assegnati in modo casuale e inclusi nelle analisi di efficacia ( 240 per ricevere una volta alla settimana Carfilzomib, 238 per ricevere due volte alla settimana Carfilzomib ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata più alta nel gruppo una volta a settimana rispetto al gruppo due volte a settimana ( 11.2 mesi vs 7.6 mesi; hazard ratio, HR 0.69; P=0.0029 ).

L'incidenza di eventi avversi di grado 3 o peggiore è stata più elevata nel gruppo una volta a settimana rispetto al gruppo due volte a settimana ( 68%, n=161, vs 62%, n=145 ); gli eventi più comuni sono stati anemia, polmonite e trombocitopenia ( 42, 18%, vs 42, 18%, 24, 10%, vs 16, 7%, e 17, 7%, vs 16, 7%, rispettivamente, per Carfilzomib una volta a settimana versus due volte a settimana ).

Una percentuale più bassa di pazienti presentava insufficienza cardiaca di grado 3 o inferiore nel gruppo una volta a settimana ( 7, 3% ) rispetto al gruppo due volte a settimana ( 10, 4% ).

Decessi correlati al trattamento si sono verificati in 5 pazienti su 238 ( 2% ) nel gruppo una volta a settimana ( sepsi, n=1, morte, n=1, danno polmonare acuto, n=1, sindrome da distress respiratorio acuto, n=1, e sindrome da lisi tumorale, n=1 ) e in 2 pazienti su 235 ( 1% ) nel gruppo due volte a settimana ( mieloma delle plasmacellule, n=1, e insufficienza cardiaca congestizia, n=1 ).
Ci sono stati 58 decessi nel gruppo una volta a settimana e 68 decessi nel gruppo due volte a settimana al momento del cutoff dei dati.

Carfilzomib una volta a settimana a 70 mg/m2 ha prolungato significativamente la sopravvivenza senza progressione rispetto al programma due volte a settimana.
La sicurezza generale era paragonabile tra i gruppi.
Carfilzomib una volta a settimana appare sicuro e più efficace con un regime posologico conveniente rispetto al programma due volte a settimana per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo recidivante e refrattario. ( Xagena2018 )

Moreau P et al, Lancet Oncol 2018; 19: 953-964

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro