ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Duvelisib nei pazienti con linfoma non-Hodgkin indolente refrattario: studio DYNAMO


Il linfoma non-Hodgkin indolente ( iNHL ) rimane in gran parte incurabile e spesso richiede più linee di trattamento dopo essere diventato refrattario alle terapie standard.
Duvelisib ( Copiktra ) è stato approvato dalla FDA ( Food and Drug Administration ) per la leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria ( RR ) o linfoma a piccoli linfociti ( SLL ) e linfoma follicolare recidivato o refrattario ( FL ) dopo due o più terapie sistemiche precedenti.

Sulla base dell'attività di Duvelisib, un doppio inibitore orale di fosfoinositide 3-chinasi ( PI3K ) delta, gamma, nel linfoma non-Hodgkin indolente recidivato o refrattario in uno studio di fase I, la sicurezza e l'efficacia di Duvelisib in monoterapia sono state valutate nel linfoma non-Hodgkin indolente refrattario a Rituximab e alla chemioterapia o alla radioimmunoterapia.

I pazienti eleggibili avevano un linfoma non-Hodgkin indolente misurabile ( FL, SLL o linfoma a cellule B della zona marginale [ MZL ] ) doppiamente refrattario a Rituximab ( in monoterapia o in associazione ) e a chemioterapia o radioimmunoterapia.
Tutti sono stati trattati con Duvelisib 25 mg per via orale due volte al giorno in cicli di 28 giorni fino a progressione, tossicità inaccettabile o morte.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ) utilizzando i criteri International Working Group per il linfoma maligno.

Lo studio globale di fase II in aperto, DYNAMO, ha arruolato 129 pazienti ( età media, 65 anni, mediana di tre precedenti terapie ) con un tasso di risposta obiettiva del 47.3% ( SLL, 67.9%, FL, 42.2%, MZL, 38.9% ).

La durata mediana stimata della risposta era di 10 mesi e la sopravvivenza libera da progressione mediana stimata era di 9.5 mesi.

Gli eventi avversi emergenti di qualsiasi grado ( TEAE ) più frequenti sono stati diarrea ( 48.8% ), nausea ( 29.5% ), neutropenia ( 28.7% ), affaticamento ( 27.9% ) e tosse ( 27.1% ).
Nell'88.4% dei pazienti con almeno un TEAE di grado 3 o superiore, le reazioni avverse emergenti dal trattamento più comuni sono stati neutropenia ( 24.8% ), diarrea (14.7%), anemia ( 14.7% ) e trombocitopenia ( 11.6% ).

Nello studio DYNAMO, la monoterapia con Duvelisib orale ha dimostrato una attività clinicamente significativa e un profilo di sicurezza gestibile per il linfoma non-Hodgkin indolente fortemente pretrattato e doppiamente refrattario, in linea con le precedenti osservazioni.
Duvelisib può fornire una nuova opzione di trattamento orale per questa popolazione di pazienti in cui molti sono anziani e necessitano di terapie aggiuntive. ( Xagena2019 )

Flinn IW et al, J Clin Oncol 2019; 37: 912-922

Onco2019 Emo2019 Farma2019


Indietro