Janssen Oncology
Roche Ematologia
ELN 2018
Ematobase.it

Efficacia a lungo termine e sicurezza di Ruxolitinib rispetto alla migliore terapia disponibile nella policitemia vera: studio RESPONSE


La policitemia vera è una neoplasia mieloproliferativa caratterizzata da un'eccessiva proliferazione di componenti eritroidi, mieloidi e megacariocitici nel midollo osseo a causa di mutazioni del gene Janus chinase 2 ( JAK2 ).
Ruxolitinib ( Jakavi ), un inibitore di JAK 1 e JAK 2, ha mostrato superiorità rispetto alla migliore terapia disponibile in uno studio di fase 2 in pazienti con policitemia vera resistenti o intolleranti all'Idrossiurea.

Sono state confrontate la sicurezza e l'efficacia a lungo termine di Ruxolitinib con la migliore terapia disponibile in pazienti con policitemia vera resistenti o intolleranti all'Idrossiurea.

Sono stati riportati i risultati a 5 anni dello studio randomizzato, in aperto, di fase 3 RESPONSE che ha arruolato pazienti in 109 siti in Nord America, Sud America, Europa e Asia-Pacifico.
I pazienti di età pari o superiore a 18 anni con policitemia vera che erano resistenti o intolleranti all'Idrossiurea sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ruxolitinib o la migliore terapia disponibile.

I pazienti assegnati in modo casuale al gruppo Ruxolitinib hanno ricevuto il farmaco per via orale alla dose iniziale di 10 mg due volte al giorno.
La migliore terapia disponibile con singolo agente ha compreso Idrossiurea, Interferone o Interferone pegilato, Pipobroman, Anagrelide, immunomodulatori approvati o osservazione senza trattamento farmacologico.

L'endpoint primario, una risposta composita ( pazienti che hanno raggiunto il controllo dell'ematocrito senza flebotomia e una riduzione del 35% o più rispetto al basale nel volume della milza ), è stato precedentemente segnalato a 32 settimane.
I pazienti che hanno ricevuto la migliore terapia disponibile potevano passare a Ruxolitinib dopo la settimana 32.

Sono state valutate la durata della risposta composita primaria, la remissione ematologica completa, la risposta clinicoematologica complessiva, la sopravvivenza globale, gli esiti riportati dal paziente e la sicurezza dopo 5 anni di follow-up.

Sono stati arruolati pazienti tra il 2010 e il 2013 e lo studio si è concluso nel 2018.
Dei 342 soggetti sottoposti a screening per l'ammissibilità, 222 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ruxolitinib ( n=110, 50% ) o la migliore terapia disponibile ( n=112, 50% ).

Il tempo mediano dalla diagnosi di policitemia vera è stato di 8.2 anni nel gruppo Ruxolitinib e 9.3 anni nel gruppo migliore terapia disponibile.
98 dei 112 pazienti ( 88% ) inizialmente assegnati in modo casuale alla migliore terapia disponibile sono passati a Ruxolitinib e nessun paziente è rimasto in trattamento con la migliore terapia disponibile dopo 80 settimane di studio.

Tra i 25 responder primari nel gruppo Ruxolitinib, 6 hanno mostrato progressione al momento dell'analisi finale.

A 5 anni, la probabilità di mantenere la risposta composita primaria è stata del 74%.
La probabilità di mantenere la remissione ematologica completa è stata del 55% e la probabilità di mantenere le risposte clinicoematologiche complessive è stata del 67%.

Nell'analisi intention-to-treat senza tenere conto del crossover, la probabilità di sopravvivenza a 5 anni è stata del 91.9% con la terapia con Ruxolitinib e del 91.0% con la migliore terapia disponibile.

L'anemia è stato l'evento avverso più comune nei pazienti trattati con Ruxolitinib ( i tassi per 100 anni-paziente di esposizione sono stati 8.9 per Ruxolitinib e 8.8 per la popolazione crossover ), sebbene la maggior parte degli eventi di anemia sia stata di gravità da lieve a moderata ( i tassi di anemia di grado 1 o 2 per 100 anni-paziente di esposizione sono stati 8.0 per Ruxolitinib e 8.2 per la popolazione crossover ).

Gli eventi avversi non-ematologici sono stati generalmente più bassi con il trattamento a lungo termine con Ruxolitinib rispetto alla migliore terapia disponibile.
Gli eventi tromboembolici sono stati inferiori nel gruppo Ruxolitinib rispetto al gruppo migliore terapia disponibile.

Ci sono stati 2 decessi durante il trattamento nel gruppo Ruxolitinib. Uno di questi decessi era dovuto ad adenocarcinoma gastrico, che è stato valutato correlato al trattamento con Ruxolitinib.

È stato dimostrato che Ruxolitinib è un'opzione di trattamento a lungo termine sicura ed efficace per i pazienti con policitemia vera che sono resistenti o intolleranti all'Idrossiurea.
Nel complesso, il trattamento con Ruxolitinib offre la prima alternativa terapeutica ampiamente approvata per questa popolazione di pazienti post-Idrossiurea. ( Xagena2020 )

Kiladjian JJ et al, Lancet Haematology 2020; 7: 226-237

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro