Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Elotuzumab e Carfilzomib, Lenalidomide e Desametasone settimanali nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi senza intenzione di sottoporsi a trapianto


Il trattamento del mieloma multiplo di nuova diagnosi ( NDMM ) con un regime quadruplo costituito da un anticorpo monoclonale, un inibitore del proteasoma, un'immide immunomodulante e un corticosteroide è stato associato a una migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto ai regimi a tripletta.

Rimane sconosciuta la combinazione ottimale quadrupla e se questa ovvi alla necessità del trapianto di cellule staminali autologhe ( ASCT ) in prima linea.

Sono stati valutati Elotuzumab ( Empliciti ) e Carfilzomib ( Kyprolis ), Lenalidomide e Desametasone ( Elo-KRd ) settimanali senza trapianto ASCT nel mieloma multiplo di nuova diagnosi.

È stata studiata l'efficacia del regime Elo-KRd utilizzando un disegno adattato alla malattia residua misurabile ( MRD ) nel mieloma multiplo di nuova diagnosi indipendentemente dall'idoneità per il trapianto ASCT.
Questo studio multicentrico, a braccio singolo, di fase 2 ha arruolato pazienti tra il 2017 e il 2021.
Il follow-up mediano è stato di 29 mesi.

Sono stati somministrati da 12 a 24 cicli di Elo-KRd; i risultati di malattia minima residua ( MRD ) consecutivi negativi a 10-6 mediante sequenziamento di nuova generazione ( NGS ) dopo i cicli 8 e 12 hanno determinato la durata del regime Elo-KRd.
Questa è stata seguita dalla terapia di mantenimento con Elo-Rd ( senza Carfilzomib ) fino a progressione della malattia.

L'endpoint primario era il tasso di risposta completa stringente ( sCR ) e/o negatività per MRD ( 10-5 ) dopo il ciclo 8 di Elo-KRd.
Gli endpoint secondari includevano sicurezza, tasso di risposta, stato MRD, sopravvivenza PFS e sopravvivenza globale ( OS ).
Come analisi esplorativa, la malattia minima residua è stata valutata utilizzando la spettrometria di massa con cromatografia liquida su campioni di sangue periferico.

Sono stati arruolati 46 pazienti ( età mediana 62 anni, 11, 24%, di età maggiore di 70 anni ).
Complessivamente, 32 ( 70% ) erano bianchi, 6 ( 13% ) erano neri, 3 ( 6% ) appartenevano a più di 1 etnia e 5 ( 11% ) erano di etnia sconosciuta.
33 ( 72% ) erano uomini e 13 ( 28% ) erano donne.
Anomalie citogenetiche ad alto rischio erano presenti in 22 pazienti ( 48% ).

Il tasso di risposta completa stringente e/o la negatività per malattia MRD dopo 8 cicli è stato di 26 su 45 ( 58% ), soddisfacendo la soglia statistica predefinita per l'efficacia.

Le risposte si sono approfondite nel tempo, con il tasso di negatività per MRD ( 10-5 ) in aumento al 70% e il tasso di negatività alla spettrometria di massa in aumento al 65%; la concordanza tra malattia minima residua secondo NGS e spettrometria di massa è aumentata nel tempo.

Gli eventi avversi di grado 3 o 4 più comuni ( più del 10% ) sono stati: infezioni polmonari e non-polmonari ( rispettivamente 13% e 11% ).
C'è stato 1 infarto miocardico di grado 5.
La sopravvivenza libera da progressione stimata a 3 anni è stata del 72% in generale e del 92% per i pazienti con negatività per malattia minima residua ( 10-5 ) dopo il ciclo 8.

Un disegno adattato per malattia minima residua che utilizza Elotuzumab e KRd settimanale senza trapianto ASCT ha mostrato un alto tasso di risposta completa stringente e/o negatività per MRD, e risposte durature.
Questo approccio fornisce supporto per un'ulteriore valutazione della deescalation della terapia guidata da malattia minima residua per ridurre l'esposizione al trattamento pur sostenendo risposte profonde. ( Xagena2022 )

Derman BA et al, JAMA Oncol 2022; 8: 1278-1286

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro