ELN 2018
Roche
Ematobase.it
Janssen Oncology

Esiti ostetrici e materni nei pazienti con diagnosi di linfoma di Hodgkin durante la gravidanza


Gli esiti per la madre e il bambino a seguito di una diagnosi di linfoma di Hodgkin durante la gravidanza sono poco studiati e la gestione prenatale della malattia non è stata ampiamente segnalata.
Sono stati valutati gli esiti ostetrici, la gestione prenatale e la sopravvivenza materna nei pazienti con linfoma di Hodgkin diagnosticati durante la gravidanza che erano stati registrati nel database INCIP ( International Network on Cancer, Infertility and Pregnancy ).

È stato condotto uno studio di coorte multicentrico, retrospettivo che includeva dati oncologici e ostetrici di 134 pazienti in gravidanza con diagnosi di linfoma di Hodgkin tra il 1969 e il 2018.
I dati raccolti dal database INCIP sono stati ottenuti da 17 Centri accademici in Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Grecia, Israele, Italia, Messico, Paesi Bassi, Russia, Regno Unito e Stati Uniti.
È stata analizzata la gestione dei pazienti in tre epoche ( prima del 1995, 1995-2004 e 2005-1818 ).

Gli esiti ostetrici ( peso alla nascita, complicanze ostetriche o neonatali e ricovero in una Unità di terapia intensiva neonatale, NICU ) dei pazienti che hanno ricevuto la chemioterapia prenatale sono stati confrontati con quelli dei pazienti che non hanno ricevuto un trattamento prenatale.

La sopravvivenza libera da progressione materna e complessiva è stata valutata in base allo stadio della malattia alla diagnosi nei pazienti in gravidanza e confrontata con gli esiti di pazienti non-in-gravidanza con linfoma di Hodgkin selezionati da banche dati di tre centri, abbinate per stadio e punteggio prognostico.
Tutte le pazienti incluse nelle analisi di sopravvivenza hanno ricevuto la terapia standard con Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina ( ABVD ) dal 1997.

Delle 134 pazienti in gravidanza con diagnosi di linfoma di Hodgkin durante la gravidanza, 72 ( 54% ) hanno iniziato la chemioterapia prenatale, 56 ( 42% ) non hanno ricevuto il trattamento durante la gravidanza e 6 ( 4% ) hanno ricevuto solo la radioterapia.
Nel corso degli anni, la chemioterapia è stata sempre più iniziata durante la gravidanza.

L'incidenza di neonati che erano piccoli per l'età gestazionale non differiva tra i neonati esposti alla chemioterapia ( 15 su 69, 22% ) e i neonati non-esposti ( 6 su 42, 16%; P=0.455 ).
Anche l'ammissione in terapia intensiva non differiva tra i gruppi ( 19, 29%, esposti alla chemioterapia prenatale vs 12, 35%, non-esposti alla chemioterapia prenatale ).

I percentili del peso alla nascita erano più bassi nei neonati esposti alla chemioterapia prima della nascita rispetto ai neonati non-esposti ( P=0.035 ).

I pazienti in terapia prenatale presentavano più complicanze ostetriche rispetto a quelli senza terapia prenatale ( P=0.005 ), e le complicazioni più comuni erano le contrazioni pretermine ( 9, 12%, vs 3, 7% ) e la rottura pretermine delle membrane ( 4, 5%, vs 0 ).

Per le analisi di sopravvivenza materna, sono state confrontate 77 pazienti in gravidanza e 211 controlli abbinati non-in-gravidanza.

La sopravvivenza libera da progressione a 5 anni nelle pazienti con linfoma di Hodgkin in stadio precoce è stata dell'82.6% per 62 pazienti in gravidanza e dell'88.3% per 142 controlli ( hazard ratio, HR=1.80, P=0.130 ); la sopravvivenza complessiva a 5 anni è stata del 97.3% e 98.4% ( HR=1.63, P=0.534 ).

Nei pazienti con malattia in stadio avanzato ( 15 pazienti in gravidanza e 69 controlli non-in-gravidanza ), la sopravvivenza libera da progressione a 5 anni è stata del 90.9% rispetto al 74.0% ( HR=0.36, P=0.334 ).
La sopravvivenza globale a 5 anni è stata del 100% ( non si sono verificati eventi ) e del 96.2% ( HR non stimato; P=0.146 ).

Il verificarsi di contrazioni pretermine o rottura pretermine delle membrane è stato più elevato nelle pazienti con linfoma di Hodgkin in trattamento prenatale rispetto a quelle che non avevano iniziato il trattamento durante la gravidanza.

La sopravvivenza materna non differiva tra pazienti in gravidanza e non-in-gravidanza con linfoma di Hodgkin, suggerendo che si può prendere in considerazione la chemioterapia prenatale o il differimento del trattamento fino al postpartum in pazienti selezionate, con un follow-up ostetrico regolare per salvaguardare la crescita del feto. ( Xagena2019 )

Maggen C et al, Lancet Haematology 2019; 6: 551-561

Onco2019 Emo2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro