Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology

Fludarabina, Citarabina, Idarubicina più Gemtuzumab Ozogamicina a basso dosaggio come terapia di induzione nella leucemia mieloide acuta CD33-positiva


Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di una combinazione di Gemtuzumab-Ozogamicina ( GO; Mylotarg ) e regime FLAI ( Fludarabina, Citarabina, Idarubicina ) come terapia di prima linea nella leucemia mieloide acuta ( AML ) positiva per CD33.

Sono stati trattati 130 pazienti, di età inferiore a 65 anni, con un'età media di 52 anni.

Il regime di induzione FLAI - Gemtuzumab-Ozogamicina ha incluso Fludarabina ( 30 mg/sqm ) e Citarabina (2 g/sqm) nei giorni 1-5; Idarubicina (10 mg per metro quadro ) nei giorni 1, 3 e 5; e Gemtuzumab-Ozogamicina ( 3 mg per metro quadro ) il giorno 6.

Il trapianto di cellule staminali ( SCT ) era pianificato per tutti i pazienti con leucemia mieloide acuta ad alto rischio, dopo il consolidamento con dosi intermedie di Citarabina e Idarubicina e un'alta dose di Citarabina.

L'espressione di CD33 ha superato il 20% in tutti i casi.

Gli endpoint primari dello studio includevano la fattibilità, il tasso di risposta generale ( ORR ) e la tossicità.
Gli endpoint secondari includevano la valutazione della malattia minima residua ( MRD ) mediante l'espressione di WT1, la fattibilità e l’esito del consolidamento con trapianto di cellule staminali, la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ).

Dopo l'induzione con FLAI-GO, la percentuale di remissione completa ( CR ) è stata dell'82%. 4 pazienti hanno ottenuto una remissione parziale ( PR ) e il 12% erano resistenti ( ORR 85% ); la morte durante l'induzione ( DDI ) è stata del 3%.

La tossicità ematologica ed extra-ematologica di FLAI-GO è stata gestibile; il 45% dei pazienti ha manifestato eventi avversi correlati all'infusione transitoria e reversibile di Gemtuzumab-Ozogamicina.

Nel contesto dei pazienti che hanno ottenuto una remissione completa citologica dopo FLAI-GO, la media delle copie di WT1 è scesa da 8.337 copie/104 di ABL ( diagnosi ) a 182 copie dopo terapia di induzione ( P=0.0001 ), mostrando un debulking della malattia molto buono.

Dopo un follow-up mediano di 54 mesi, 67 pazienti su 130 ( 52% ) erano vivi.

La probabilità di sopravvivenza globale a 1, 2 e 5 anni è stata rispettivamente dell'80%, 63% e 52%.

La probabilità di sopravvivenza libera da malattia a 1, 2 e 5 anni è stata rispettivamente del 77%, 58% e 52%.

Il trapianto di cellule staminali, allogenico e autologo, è stato effettuato rispettivamente in 60 ( 46% ) e in 23 ( 18% ) pazienti.

In sintesi, gli esiti finali dello studio hanno confermato che FLAI-GO è una strategia di trattamento attiva e sicura per i pazienti con leucemia mieloide acuta CD33-positivi di età inferiore o uguale a 65 anni, consentendo un tasso di risposta obiettiva elevato, un buon debulking della malattia, un favorevole profilo di sicurezza, bassa mortalità durante l'induzione e successivo alto tasso di trapianto di cellule staminali.
I risultati incoraggianti dello studio, consolidati da un lungo follow-up, supportano la reintroduzione di Gemtuzumab-Ozogamicina nella pratica clinica. ( Xagena2018 )

Candoni A et al, Am J Hematol 2018; 93: 655-663

Emo2018 Onco2018 Farma2018


Indietro