GSK Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology
Celgene Ematologia

Glofitamab associato a un tasso di risposta completa significativamente elevato nel linfoma non-Hodgkin recidivato / refrattario


I pazienti con linfomi non-Hodgkin ( NHL ) recidivanti o refrattari trattati con Glofitamab, anticorpo bispecifico, nello studio di fase 1 NP30179, hanno mostrato un tasso significativo di risposte complete.
Inoltre, è stato osservato che il dosaggio incrementale di Glofitamab è un'utile strategia di mitigazione della sindrome da rilascio di citochine ( CRS ) in aggiunta al pretrattamento con Obinutuzumab ( Gazyva / Gazyvaro ), consentendo la somministrazione di una dose target elevata di Glofitamab di 30 mg, superiore alla dose massima tollerata, quando si utilizza un regime a dose fissa e con un rischio inferiore di sindrome CRS di grado 2 o superiore.

Hanno preso parte allo studio pazienti con linfoma NHL recidivato / refrattario a cellule B CD20-positivo che presentavano almeno una lesione misurabile, un'adeguata funzionalità ematologica ed epatica, un performance status ECOG di 0 o 1 e avevano ricevuto almeno 1 precedente linea di terapia.

Il trattamento con dosaggio incrementale consisteva in un pretrattamento di 1000 mg con Obinutuzumab il giorno -7 seguito da dosi incrementali di Glofitamab per via endovenosa a 2.5 mg il giorno 1 del ciclo 1, 10 mg il giorno 8 del ciclo 1, e quindi 16 o 30 mg un'altra settimana dopo ( giorno 1, ciclo 2 ) in due distinte coorti.
Il trattamento con Glofitamab è stato continuato ogni 3 settimane dal ciclo 2 e fino a 12 cicli.

L'obiettivo dello studio era di esplorare la sicurezza, la tollerabilità, la farmacocinetica e l'attività antitumorale di Glofitamab, nonché di determinare la dose massima tollerata o la dose biologica ottimale e la dose di fase 2 raccomandata.

Un totale di 52 pazienti sono stati trattati nelle due coorti; questi pazienti avevano un'età media di 68 anni ( range, 44-85 ) e il 53.8% era di sesso maschile.
Più della metà dei pazienti ( 53.8% ) presentava linfoma NHL aggressivo, di cui 10 con linfoma diffuso a grandi cellule B, 6 con linfoma follicolare trasformato, 5 con trasformazione di Richter, 5 con linfoma a cellule mantellari, 1 con linfoma a cellule B ad alto grado e 1 con linfoma follicolare di grado 3B. Ventiquattro pazienti ( 46.2% ) avevano un linfoma follicolare indolente tra il grado 1 e 3A.

I pazienti avevano precedentemente ricevuto una mediana di 3 linee di terapia ( range, 1-12 ) consistenti in chemioterapia e un anticorpo monoclonale anti-CD20 in tutti i pazienti, trapianto autologo di cellule staminali nel 21.2%, un inibitore di PI3K nel 9.6%, terapia CAR-T nel 5.8% e immunoterapia oncologica nell'1.9%.
La maggior parte dei pazienti era refrattaria a qualsiasi terapia ( 84.6% ), alla terapia più recente ( 76.9% ) e a qualsiasi precedente terapia anti-CD20 ( 73.1% ).

Nelle coorti step-up, il tasso di risposta globale è stato pari al 63.5% per tutti i pazienti con una risposta metabolica completa ( CMR ) osservata nel 53.8% dei pazienti.
In quelli con linfoma NHL indolente ( n = 24 ), il tasso ORR è stato del 66.7% e il tasso di risposta metabolica completa è stato del 54.2% contro il 60.7% e il 53.6%, rispettivamente, nel gruppo NHL aggressivo ( n = 28 ).

Al momento del cutoff dei dati, 2 pazienti con linfoma NHL aggressivo e 6 con linfoma NHL indolente non avevano ancora ricevuto valutazione della risposta e sono stati considerati non-responder.

Le risposte complete sono state generalmente raggiunte precocemente e osservate a partire dalla prima o seconda valutazione della risposta.
La maggior parte dei pazienti ha presentato risposte continue, compresi 13 su 15 responder con linfoma NHL aggressivo, e tutti e 13 i responder con linfoma NHL indolente.

Quasi tutti i pazienti ( 98.1% ) hanno manifestato almeno 1 evento avverso e l'88.5% ha presentato eventi correlati al trattamento.
Eventi avversi gravi correlati al trattamento sono stati riportati nel 53.8% e gli eventi correlati al trattamento sono stati di grado 3/4 nel 34.6%.
Nello studio non sono stati riportati eventi avversi fatali, e solo 2 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di eventi avversi. Le interruzioni erano dovute a neutropenia di grado 4 in 1 paziente e una colite di grado 4 più sepsi di grado 3 in un altro paziente per il quale la colite si è successivamente risolta con risposta completa in corso.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento con Glofitamab sono stati sindrome da rilascio di citochine, neutropenia, piressia e trombocitopenia.

Nella popolazione complessiva delle coorti di dosaggio incrementale, la sindrome da rilascio di citochine è stata riportata nel 63.5%, ma era di grado 3/4 di gravità solo per 2 pazienti. Questi eventi di sindrome CRS sono stati osservati solo nei cicli 1 e 2 con un tempo mediano alla sindrome CRS di 14.23 ore dopo la somministrazione di Glofitamab e una durata mediana di 28.7 ore.
Tocilizumab è stato utilizzato per gestire la sindrome da rilascio di citochine nel 15.4% dei pazienti.
Tre pazienti hanno richiesto l'ammissione all'Unità di terapia intensiva, 8 hanno ricevuto Ossigeno a basso flusso, 3 hanno richiesto singoli vasopressori e 1 ha richiesto la ventilazione meccanica.

La neutropenia è stata riportata nel 38.5% dei pazienti, inclusi eventi di grado 3 o superiore nel 21.2%; la neutropenia febbrile è stata osservata nel 3.8%.
Un paziente ha manifestato una infezione neutropenica. ( Xagena2020 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Virtual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro