Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Ibrutinib come terapia iniziale per pazienti anziani con leucemia linfatica cronica o linfoma a piccoli linfociti


La chemioimmunoterapia ha portato a un miglioramento nel numero dei pazienti che raggiungono risposta alla malattia, e una sopravvivenza generale più lunga in pazienti giovani con leucemia linfatica cronica; tuttavia, la sua applicazione in pazienti anziani è limitata da mielosoppressione e infezione.

È stato condotto uno studio per valutare sicurezza e attività di Ibrutinib ( Imbruvica ), un inibitore covalente della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) a somministrazione orale, in pazienti naive per il trattamento di età uguale o superiore a 65 anni con leucemia linfatica cronica.

Nello studio in aperto di fase 1b/2, sono stati arruolati pazienti non-trattati in precedenza in Centri clinici negli Stati Uniti.

I pazienti eleggibili avevano un’età di almeno 65 anni e leucemia linfatica cronica sintomatica o linfoma a piccoli linfociti che necessitavano di trattamento.

I pazienti hanno ricevuto cicli di 28 giorni di Ibrutinib 420 mg o Ibrutinib 840 mg una volta al giorno.

La dose 840 mg è stata interrotta dopo l’inizio dell’arruolamento per l’attività comparabile delle due dosi.

L’endpoint primario era la sicurezza del regime a dose fissa in termini di frequenza e gravità degli eventi avversi per tutti i pazienti che avevano ricevuto trattamento.

Nel periodo 2010-2012, sono stati arruolati 29 pazienti con leucemia linfatica cronica e 2 pazienti con linfoma a piccoli linfociti.

L’età mediana era di 71 anni ( intervallo 65-84 ) e 23 ( 74% ) pazienti avevano almeno 70 anni.

La tossicità è stata soprattutto di gravità da lieve a moderata ( grado 1-2 ).

In totale, 21 ( 68% ) pazienti hanno sofferto di: diarrea ( grado 1 in 14 [ 45% ] pazienti, grado 2 in 3 [ 10% ] e grado 3 in 4 [ 13% ] ); 15 ( 48% ) pazienti hanno sviluppato nausea ( grado 1 in 12 [ 39% ] pazienti e grado 2 in 3 [ 10% ] ).

Dieci ( 32% ) pazienti hanno sviluppato fatigue ( grado 1 in 5 [ 16% ] pazienti, grado 2 in 4 [ 13% ] e grado 3 in 1 [ 3% ] ); 3 ( 10% ) pazienti hanno sviluppato infezioni di grado 3, ma non sono state osservate infezioni di grado 4 o 5.

Un paziente ha sviluppato neutropenia di grado 3, e 1 ha sviluppato trombocitopenia di grado 4.

Dopo un follow-up mediano di 22.1 mesi ( IQR 18.4-23.2 ), 22 ( 71% ) dei 31 pazienti hanno raggiunto una risposta oggettiva; 4 pazienti ( 13% ) hanno mostrato risposta completa, 1 paziente ( 3% ) risposta nodulare parziale e 17 pazienti ( 55% ) risposta parziale.

In conclusione, sicurezza e attività di Ibrutinib in pazienti anziani non-trattati in precedenza con leucemia linfatica cronica sintomatica o linfoma a piccoli linfociti sono incoraggianti e meritano ulteriori approfondimenti in studi di fase 3. ( Xagena2014 )

O'Brien S et al, Lancet Oncol 2014; 15: 48-58

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro