ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ibrutinib e Venetoclax per il trattamento di prima linea della leucemia linfatica cronica


Ibrutinib ( Imbruvica ), un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) e Venetoclax ( Venclyxto ), un inibitore della proteina BCL-2 ( proteina del linfoma 2 dei linfociti B ), sono stati approvati per i pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ).
Le indagini precliniche hanno indicato una potenziale interazione sinergica della loro combinazione.

È stato condotto uno studio di fase 2 con Ibrutinib e Venetoclax combinati che ha coinvolto pazienti ad alto rischio e anziani precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica.
Tutti i pazienti presentavano almeno una delle seguenti caratteristiche: delezione del cromosoma 17p, TP53 mutato, delezione del cromosoma 11q, IGHV non-mutato, o un'età di 65 anni o più.

I pazienti hanno ricevuto la monoterapia con Ibrutinib ( 420 mg una volta al giorno ) per 3 cicli, seguita dall'aggiunta di Venetoclax ( aumento della dose settimanale a 400 mg una volta al giorno ).

La terapia combinata è stata somministrata per 24 cicli. Le valutazioni della risposta sono state eseguite secondo i criteri IWCLL ( International Workshop on Chronic Lymphocytic Leukemia ) del 2008.
La minima malattia residua è stata valutata mediante citometria di flusso multicolore nel midollo osseo (sensibilità, 10-4).

Sono stati trattati in totale 80 pazienti. L'età media era di 65 anni. In totale il 30% dei pazienti aveva 70 anni o più.
Complessivamente, il 92% dei pazienti aveva IGHV non-mutato, aberrazione di TP53 o delezione del cromosoma 11q.

Con il trattamento combinato, le proporzioni di pazienti che hanno avuto una remissione completa ( con o senza il normale recupero della conta del sangue ) e la remissione con malattia residua minima non-rilevabile sono aumentate nel tempo.

Dopo 12 cicli di trattamento combinato, l'88% dei pazienti ha avuto remissione completa o remissione completa con recupero della conta incompleto, e il 61% ha avuto remissione con malattia residua minima non-rilevabile.
Le risposte sono state osservate negli anziani e in tutti i sottogruppi ad alto rischio.

Tre pazienti avevano evidenze di laboratorio della sindrome da lisi tumorale.
Il profilo degli eventi avversi è stato simile a quello riportato con Ibrutinib e Venetoclax.

In questo studio, Venetoclax e Ibrutinib combinati hanno rappresentato un regime orale efficace per i pazienti ad alto rischio e anziani con leucemia linfatica cronica. ( Xagena2019 )

Jain N et al, N Engl J Med 2019; 380: 2095-2103

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro