ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Ibrutinib più Obinutuzumab rispetto a Clorambucile più Obinutuzumab nel trattamento di prima linea della leucemia linfatica cronica: studio iLLUMINATE


Sia Ibrutinib ( Imbruvica ) che Clorambucile più Obinutuzumab ( Gazyvaro ) hanno dimostrato una efficacia superiore alla monoterapia con Clorambucile e sono trattamenti standard di prima linea nella leucemia linfatica cronica.
È stata confrontata l'efficacia della combinazione di Ibrutinib più Obinutuzumab con Clorambucile più Obinutuzumab nella leucemia linfatica cronica di prima linea o nel linfoma a piccoli linfociti.

Lo studio multicentrico, randomizzato, in aperto, di fase 3 iLLUMINATE è stato condotto in 74 ospedali universitari e comunitari in Australia, Canada, Israele, Nuova Zelanda, Russia, Turchia, nell'Unione Europea e negli USA in pazienti con leucemia linfatica cronica o linfoma a piccoli linfociti non-trattati in precedenza, di età pari o superiore a 65 anni o di età inferiore a 65 anni con condizioni coesistenti.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per ECOG performance status e citogenetica, a ricevere Ibrutinib più Obinutuzumab ( Ibrutinib orale 420 mg una volta al giorno in modo continuo, combinato con Obinutuzumab per via endovenosa 100 mg al giorno 1, 900 mg al giorno 2, 1.000 mg al giorno 8, e 1.000 mg al giorno 15 del ciclo 1 e al giorno 1 dei successivi cicli di 28 giorni, per un totale di 6 cicli ) o a Clorambucile più Obinutuzumab ( Clorambucile orale 0.5 mg/kg di peso corporeo nei giorni 1 e 15 di ciascun ciclo di 28 giorni per 6 cicli, combinato con lo stesso regime di Obinutuzumab ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata nella popolazione intention-to-treat.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio.

Tra il 2014 e il 2015, 229 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere Ibrutinib più Obinutuzumab ( n=113 ) o Clorambucile più Obinutuzumab ( n=116 ).

Dopo un follow-up mediano di 31.3 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione è risultata significativamente più lunga nel gruppo Ibrutinib più Obinutuzumab ( mediana non-raggiunta ) rispetto al gruppo Clorambucile più Obinutuzumab ( 19.0 mesi; hazard ratio, HR=0.23; P minore di 0.0001 ).

La sopravvivenza libera da progressione a 30 mesi è stata del 79% nel gruppo Ibrutinib più Obinutuzumab e del 31% nel gruppo Clorambucile più Obinutuzumab.

I più comuni eventi avversi di grado 3 o 4 in entrambi i gruppi erano neutropenia e trombocitopenia.
Eventi avversi gravi si sono verificati in 65 pazienti su 113 ( 58% ) trattati con Ibrutinib più Obinutuzumab e in 40 su 115 pazienti ( 35% ) trattati con Clorambucile più Obinutuzumab.

Decessi correlati al trattamento con Ibrutinib o Clorambucile sono stati riportati in 1 paziente su 113 ( 1% ) nel gruppo Ibrutinib più Obinutuzumab ( morte improvvisa ) e in 1 su 115 ( 1% ) nel gruppo Clorambucile più Obinutuzumab ( carcinoma cutaneo neuroendocrino ).

Ibrutinib più Obinutuzumab è un trattamento di combinazione efficace e sicuro senza chemioterapia in pazienti precedentemente non-trattati con leucemia linfatica cronica o linfoma a piccoli linfociti indipendente dalle caratteristiche ad alto rischio e ha fornito una opzione di trattamento di prima linea alternativa per questi pazienti. ( Xagena2019 )

Moreno C et al, Lancet Oncology 2019; 20: 43-56

Onco2019 Emo2019 Farma201


Indietro