Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Passamonti Linfoma mantellare

Ibrutinib più Venetoclax nella leucemia linfatica cronica recidivante / refrattaria: studio CLARITY


Il trattamento della leucemia linfatica cronica ( CLL ) è stato rivoluzionato da terapie mirate che inibiscono la proliferazione ( Ibrutinib [ Imbruvica ] ) o riattivano l'apoptosi ( Venetoclax [ Venclyxto ] ).
Entrambi migliorano significativamente la sopravvivenza nella leucemia linfatica cronica e sostituiscono la chemioimmunoterapia in molti pazienti.

Tuttavia, individualmente, raramente portano all'eradicazione della malattia minima residua ( MRD ) e di solito vengono assunti indefinitamente o fino a progressione.
Lo studio CLARITY ha combinato Ibrutinib con Venetoclax per eradicare leucemia linfatica cronica rilevabile con l'intenzione di interrompere la terapia.

CLARITY è uno studio di fase II che ha combinato Ibrutinib con Venetoclax nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria.

L'endpoint primario era l'eradicazione della malattia minima residua dopo 12 mesi di terapia combinata. Gli endpoint secondari chiave erano le risposte secondo i criteri International Workshop on CLL, la sicurezza, la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza generale.

In 53 pazienti dopo 12 mesi di trattamento con Ibrutinib più Venetoclax, la negatività della malattia minima residua( meno di una cellula di CLL in 10.000 leucociti ) è stata raggiunta nel sangue di 28 pazienti ( 53% ) e nel midollo di 19 ( 36% ).
47 pazienti ( 89% ) hanno risposto e 27 ( 51%) hanno raggiunto una remissione completa.

Dopo un follow-up mediano di 21.1 mesi, un paziente è progredito e tutti i pazienti erano vivi.

È stato osservato un singolo caso di sindrome da lisi tumorale biochimica. Altri effetti avversi sono stati lievi e/o gestibili e più comunemente sono stati neutropenia o eventi gastrointestinali.

La combinazione di Ibrutinib più Venetoclax è risultata ben tollerata nei pazienti con leucemia linfatica cronica recidivata o refrattaria.
C'è stato un alto tasso di eradicazione della malattia minima residua che ha portato alla sospensione della terapia in alcuni pazienti.
I tassi di sopravvivenza libera da progressione e di sopravvivenza complessiva sono incoraggianti per la leucemia linfatica cronica recidivante e refrattaria. ( Xagena2019 )

Hillmen P et al, J Clin Oncol 2019; 37: 2722-2729

Emo2019 Onco2019 Farma2019



Indietro