Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia

Ibrutinib più Venetoclax per il trattamento di prima linea della leucemia linfatica cronica


Le terapie mirate orali hanno fatto progredire il trattamento della leucemia linfatica cronica ( CLL ). Queste terapie includono gli inibitori della tirosin-chinasi di Bruton, usati come monoterapia, e l'inibitore Bcl-2 Venetoclax, tipicamente combinato con l'anticorpo monoclonale CD20.
Studi preclinici hanno mostrato una sinergia tra gli inibitori della tirosin-chinasi di Bruton e l'inibitore di Bcl-2 Venetoclax.

È stato esaminato il tasso di remissione completa, remissione completa con recupero incompleto della conta e malattia residua misurabile non-rilevabile nel midollo osseo ( U-MRD ) dopo il trattamento con la combinazione di Ibrutinib ( Imbruvica ) e Venetoclax ( Venclyxto ).

Uno studio non-randomizzato di fase 2 monocentrico ha arruolato pazienti tra il 2016 e il 2018. I partecipanti includevano pazienti affetti da leucemia linfatica cronica non-trattati in precedenza che soddisfacevano i criteri dell'International Workshop on CLL 2008 per l'indicazione del trattamento.

I pazienti dovevano avere almeno 1 delle seguenti caratteristiche: del( 17p ), leucemia linfatica cronica con mutazione TP53, del( 11q ), gene IGHV non-mutato, o età pari o superiore a 65 anni.

La terapia consisteva in Ibrutinib 420 mg/die, in monoterapia per 3 cicli, successivamente in combinazione con Venetoclax ( aumento della dose settimanale standard a 400 mg/die ) per un totale di 24 cicli di trattamento di associazione.

Le risposte sono state valutate in momenti seriali secondo i criteri dell'International Workshop on CLL 2008.
La malattia residua misurabile ( MRD ) è stata valutata mediante citometria a flusso multicolore con una sensibilità di 10(-4).

Gli esiti includevano la remissione completa, la remissione completa con recupero della conta incompleto e il tasso di MRD non-rilevabile a livello del midollo osseo.

Sono stati trattati 80 pazienti ( 57 uomini, 71% ); l'età media era di 65 anni. Il follow-up mediano per tutti gli 80 pazienti è stato di 38.5 mesi. 5 pazienti hanno interrotto lo studio durante la fase di monoterapia con Ibrutinib; i restanti 75 pazienti hanno ricevuto la terapia di combinazione.

In un'analisi intention-to-treat ( ITT ) del trattamento combinato, 45 pazienti ( 56% ) hanno raggiunto la remissione U-MRD del midollo osseo a 12 cicli e 53 pazienti ( 66% ) hanno ottenuto la remissione U-MRD del midollo osseo a 24 cicli.

Complessivamente, 60 pazienti ( 75% ) hanno ottenuto la remissione U-MRD del midollo osseo come migliore risposta.
Le risposte sono state osservate in tutti i sottogruppi ad alto rischio, indipendentemente dallo stato di mutazione del gene IGHV, dalla categoria di ibridazione fluorescente in situ o dalla mutazione TP53.

La sopravvivenza libera da progressione a 3 anni è stata del 93% e la sopravvivenza globale a 3 anni è stata del 96%.
Nessun paziente ha avuto progressione della leucemia linfactica cronica; 2 pazienti hanno mostrato trasformazione di Richter.

I risultati dello studio hanno indicato che la terapia di combinazione con Ibrutinib e Venetoclax potrebbe essere utile per i pazienti affetti da leucemia linfatica cronica non-trattati in precedenza.
Le remissioni sono sembrate durature durante un follow-up di oltre 3 anni, con attività osservata in sottogruppi di malattia ad alto rischio, compresi quelli con leucemia linfatica cronica con del( 17p ) / TP53-mutato. ( Xagena2021 )

Jain N et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1213-1219

Onco2021 Emo2021 Farma2021


Indietro