Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Ibrutinib più Venetoclax per il trattamento di prima linea della leucemia linfatica cronica: studio CAPTIVATE


CAPTIVATE, uno studio randomizzato di fase II, ha valutato l'interruzione del trattamento guidato dalla malattia minima residua ( MRD ) dopo il completamento del trattamento di prima linea con Ibrutinib ( Imbruvica ) più Venetoclax ( Venclyxto ) nei pazienti con leucemia linfatica cronica ( CLL ).

Pazienti con leucemia linfatica cronica precedentemente non-trattati di età inferiore a 70 anni hanno ricevuto tre cicli di Ibrutinib e poi 12 cicli di Ibrutinib combinato con Venetoclax.
I pazienti nella coorte MRD che soddisfacevano i criteri di assegnazione casuale per la malattia MRD non-rilevabile confermata ( uMRD confermata ) sono stati assegnati in modo casuale in doppio cieco a placebo o a Ibrutinib; i pazienti senza malattia uMRD confermata ( uMRD non-confermata ) sono stati assegnati in modo casuale in aperto a Ibrutinib o a Ibrutinib più Venetoclax.

L'endpoint primario era il tasso di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 1 anno con placebo rispetto a Ibrutinib nella popolazione con malattia uMRD confermata.
Gli endpoint secondari includevano tassi di risposta, malattia uMRD e sicurezza.

In tutto 164 pazienti hanno iniziato tre cicli di lead-in di Ibrutinib.

Dopo 12 cicli di Ibrutinib più Venetoclax, i migliori tassi di risposta di malattia uMRD sono stati del 75% ( sangue periferico ) e del 68% ( midollo osseo ).

I pazienti con malattia uMRD confermata sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo ( n=43 ) oppure Ibrutinib ( n=43 ); i pazienti con malattia uMRD non-confermata sono stati assegnati in modo casuale a Ibrutinib ( n=31) o a Ibrutinib più Venetoclax ( n=32 ).
Il follow-up mediano è stato di 31.3 mesi.

Il tasso di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) a 1 anno non è stato significativamente diverso tra placebo ( 95% ) e Ibrutinib ( 100%; differenza del braccio: 4.7%; P=0.15 ) nella popolazione confermata con malattia uMRD.

Dopo il debulking del tumore con lead-in di Ibrutinib, 36 pazienti su 40 ( 90% ) con un rischio elevato di sindrome da lisi tumorale al basale sono passati a categorie di rischio di sindrome da lisi tumorale medio o basso.

Gli eventi avversi sono stati più frequenti durante i primi 6 mesi di Ibrutinib più Venetoclax, e generalmente sono diminuiti nel tempo.

Il tasso di sopravvivenza senza malattia a 1 anno del 95% nei pazienti assegnati in modo casuale a placebo con malattia uMRD confermata ha mostrato il potenziale di un trattamento a durata fissa con questo regime completamente orale, una volta al giorno, senza chemioterapia nella leucemai linfatica cronica di prima linea. ( Xagena2021 )

Wierda WG et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3853-3865

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro