GSK Ematologia
Celgene Ematologia
Ematologia Amgen
Janssen Oncology

Ibrutinib versus Temsirolimus nei pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario


Il linfoma a cellule del mantello è un linfoma a cellule B aggressivo con una prognosi infausta. Sia Ibrutinib ( Imbruvica ) che Temsirolimus ( Torisel ) hanno mostrato attività come agenti singoli in pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario.
È stato intrapreso uno studio di fase 3 per valutare l'efficacia e la sicurezza di Ibrutinib rispetto a Temsirolimus nel linfoma a cellule del mantello recidivo o refrattario.

Uno studio clinico randomizzato, in aperto, multicentrico, di fase 3, ha arruolato pazienti in 21 Paesi con linfoma a cellule del mantello recidivo o refrattario confermato che avevano ricevuto uno o più trattamenti contenenti Rituximab.
I pazienti sono stati stratificati per la terapia precedente e per il punteggio MIPI ( Mantle Cell Lymphoma International Prognostic Index ), e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere ogni giorno per via orale Ibrutinib 560 mg oppure Temsirolimus per via endovenosa ( 175 mg nei giorni 1, 8 e 15 del ciclo 1; 75 mg nei giorni 1, 8 e 15 dei successivi cicli di 21 giorni ).

L'endpoint primario di efficacia era la sopravvivenza libera da progressione valutata da un Comitato di revisione indipendente con l'ipotesi principale che Ibrutinib confrontato con Temsirolimus migliorasse in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione.

Tra il 2012 e il 2013, 280 pazienti sono stati randomizzati a Ibrutinib ( n=139 ) oppure a Temsirolimus ( n=141 ).

L’analisi di efficacia primaria ha mostrato un miglioramento significativo nella sopravvivenza libera da progressione ( P minore di 0.0001 ) per i pazienti trattati con Ibrutinib rispetto a Temsirolimus ( hazard ratio, HR=0.43; sopravvivenza libera da progressione mediana, PFS=14.6 mesi vs 6.2 mesi, rispettivamente ).

Ibrutinib è risultato meglio tollerato rispetto a Temsirolimus, con eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3 o più elevato riportati in 94 pazienti ( 68% ) rispetto a 121 ( 87% ), e un minore numero di interruzioni del farmaco in studio a causa di eventi avversi per Ibrutinib rispetto a Temsirolimus ( 9, 6% vs 36, 26% ).

Il trattamento con Ibrutinib ha determinato un miglioramento significativo nella sopravvivenza libera da progressione e una migliore tollerabilità rispetto a Temsirolimus nei pazienti con linfoma a cellule del mantello recidivo o refrattario.
Questi dati supportano ulteriormente il rapporto positivo beneficio-rischio per Ibrutinib nel linfoma a cellule del mantello recidivante o refrattario. ( Xagena2016 )

Dreyling M et al, Lancet 2016; 387: 770-778

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro