Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia

Idelalisib, un inibitore selettivo della fosfatidilinositolo-3-chinasi-delta, come terapia per il linfoma non-Hodgkin indolente trattato in precedenza


Idelalisib ( Zydelig ), un inibitore orale di fosfatidilinositolo-3-chinasi-delta, è stato valutato in uno studio di fase I in 64 pazienti con recidiva di linfoma non-Hodgkin indolente ( iNHL ).

I pazienti avevano una età media di 64 anni ( range: 32-91 ), 34 ( 53% ) avevano malattia bulky ( 1 linfonodo o più con massa a partire da 5 cm ), e 37 ( 58% ) avevano malattia refrattaria.

I pazienti avevano ricevuto in media 4 ( range: 1-10 ) terapie in precedenza.

Sono stati valutati 8 regimi di dosaggio di Idelalisib.
Idelalisib è stato assunto una o due volte al giorno continuativamente a dosi da 50 a 350 mg.
Dopo 48 settimane, i pazienti che ne traevano ancora beneficio ( n=19; 30% ) sono stati arruolati in uno studio di estensione.

Gli eventi avversi che si sono verificati nel 20% o più dei pazienti ( % totale / % di grado 3 o superiore ) hanno incluso diarrea ( 36/8 ), affaticamento ( 36/3 ), nausea ( 25/3 ), rash ( 25/3 ), febbre ( 20/3 ) e brividi ( 20/0 ).

Le anomalie di laboratorio hanno incluso neutropenia ( 44/23 ), anemia ( 31/5 ), trombocitopenia ( 25/11 ) e aumenti delle transaminasi sieriche ( 48/25 ).

Un totale di 12 pazienti ( 19% ) hanno interrotto la terapia a causa di eventi avversi.

Idelalisib ha indotto la regressione della malattia in 46 pazienti valutabili su 54 ( 85% ) che hanno raggiunto un tasso di risposta complessivo di 30/64 ( 47% ), con 1 paziente con risposta completa ( 1.6% ).

La durata media della risposta è stata di 18.4 mesi, la sopravvivenza libera da progressione media è stata di 7.6 mesi.

Idelalisib è stato ben tollerato e attivo in pazienti pesantemente pretrattati con linfoma non-Hodgkin indolente recidivato / refrattario. ( Xagena2014 )

Flinn IW et al, Blood 2014: 123: 22

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro