ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Inotuzumab ozogamicin in combinazione con chemioterapia a bassa intensità per i pazienti anziani con leucemia linfoblastica acuta negativa al cromosoma Philadelphia


Inotuzumab ozogamicin ( Besponsa ), un anticorpo monoclonale anti-CD22 legato a una tossina, la calicheamicina, ha mostrato attività come singolo agente nella leucemia linfoblastica acuta recidivante o refrattaria.
Sono state valutate l'attività e la sicurezza di Inotuzumab ozogamicin in combinazione con la chemioterapia a bassa intensità nei pazienti anziani con leucemia linfoblastica acuta.

È stato condotto uno studio di fase 2 a singolo braccio presso l'MD Anderson Cancer Center ( Houston, TX, USA ).
I pazienti eleggibili avevano un'età pari o superiore a 60 anni e presentavano leucemia linfoblastica acuta cromosoma Philadelphia-negativa di nuova diagnosi e un ECOG performance status pari a 3 o inferiore.

Il regime di chemioterapia di induzione utilizzato era mini-hyper-CVD ( una versione a intensità inferiore del convenzionale hyper-CVAD ).
I cicli dispari ( 1,3, 5 e 7 ) hanno incluso Ciclofosfamide endovenosa ( 150 mg/m2 ogni 12 ore nei giorni 1-3 ) e Desametasone orale o endovenoso ( 20 mg al giorno nei giorni 1-4 e nei giorni 11-14 ); non è stata somministrata alcuna antraciclina.
La Vincristina per via endovenosa ( dose fissa di 2 mg ) è stata somministrata nei giorni 1 e 8.
I cicli pari hanno compreso Metotrexato per via endovenosa ( 250 mg/m2 il giorno 1 ) e Citarabina per via endovenosa ( 0.5 g/m2 ogni 12 ore nei giorni 2 e 3 ).
Inotuzumab ozogamicin per via endovenosa è stato somministrato al giorno 3 dei primi quattro cicli alla dose di 1.3-1.8 mg/m2 al ciclo 1, seguito da 1.0-1.3 mg/m2 nei cicli successivi.

La terapia di mantenimento con POMP a dose ridotta ( Purinethol [ 6-Mercaptopurina ]; Oncovin, [ Vincristina solfato ]; Metotrexato; Prednisone ) è stata somministrata per 3 anni.

L'endpoint primario di questo studio era la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni.

Tra il 2011 e il 2017, sono stati arruolati 52 pazienti con un'età media di 68 anni.

Con un follow-up mediano di 29 mesi, la sopravvivenza libera da progressione a 2 anni è stata del 59%.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più frequenti sono stati trombocitopenia prolungata ( 42 pazienti, 81% ), infezioni durante la chemioterapia di induzione ( 27, 52% ) e consolidamento ( 36, 69% ), iperglicemia ( 28, 54% ), ipokaliemia ( 16, 31% ), aumento della aminotransferasi ( 10, 19% ), iperbilirubinemia ( 9, 17% ) ed emorragia ( 7, 15% ).
La malattia veno-occlusiva si è verificata in 4 pazienti ( 8% ).
6 pazienti ( 12% ) sono deceduti per eventi avversi ritenuti correlati al trattamento ( 5, 10%, per sepsi e uno, 2%, per malattia veno-occlusiva ).

Inotuzumab ozogamicin più la chemioterapia con mini-hyper-CVD è un'opzione terapeutica di prima linea sicura ed attiva nei pazienti anziani con leucemia linfoblastica acuta di nuova diagnosi e potrebbe rappresentare una nuova terapia per questa popolazione.
Sono necessari studi randomizzati di fase 3 per valutare l'efficacia di questa combinazione rispetto all'attuale standard di cura in questo contesto, la chemioterapia di combinazione senza Inotuzumab ozogamicin. ( Xagena2018 )

Kantarjian H et al, Lancet Oncol 2018; 19: 240-248

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro