Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia
Celgene Ematologia

Isatuximab, Carfilzomib e Desametasone nel mieloma multiplo recidivato: studio IKEMA


Isatuximab ( Sarclisa ) è un anticorpo monoclonale anti-CD38 approvato in combinazione con Pomalidomide - Desametasone e Carfilzomib - Desametasone per il mieloma multiplo recidivante o refrattario.

Uno studio di fase 3, in aperto, ha confrontato l'efficacia di Isatuximab più Carfilzomib - Desametasone rispetto a Carfilzomib - Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante.

È stato condotto uno studio di fase 3 prospettico, randomizzato, in aperto, a gruppi paralleli, presso 69 centri di studio in 16 Paesi in Nord America, Sud America, Europa e nella regione Asia-Pacifico.

Erano eleggibili i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario di almeno 18 anni di età che avevano ricevuto da una a tre linee di terapia precedenti e avevano proteina M misurabile nel siero o nelle urine.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a Isatuximab più Carfilzomib - Desametasone ( gruppo Isatuximab ) o Carfilzomib - Desametasone ( gruppo di controllo ).
I pazienti nel gruppo Isatuximab hanno ricevuto Isatuximab 10 mg/kg per via endovenosa settimanalmente per le prime 4 settimane, poi ogni 2 settimane.

Entrambi i gruppi hanno ricevuto il programma approvato di Carfilzomib endovenoso e Desametasone orale o endovenoso.
Il trattamento è continuato fino a progressione o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ed è stato valutato nella popolazione intention-to-treat in base al trattamento assegnato.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose in base al trattamento ricevuto.

Tra il 2017 e il 2019, sono stati arruolati 302 pazienti con una mediana di due precedenti linee di terapia. 179 sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Isatuximab e 123 al gruppo di controllo.

La sopravvivenza mediana libera da progressione non è stata raggiunta nel gruppo Isatuximab rispetto a 19.15 mesi nel gruppo di controllo, con un hazard ratio di 0.53 ( P unilaterale=0.0007 ).

Eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) di grado 3 o peggiore si sono verificati in 136 dei 177 pazienti ( 77% ) nel gruppo Isatuximab rispetto a 82 dei 122 pazienti ( 67% ) nel gruppo di controllo; eventi avversi emergenti dal trattamento gravi si sono verificati in 105 pazienti ( 59% ) rispetto a 70 ( 57% ) e gli eventi avversi emergenti dal trattamento hanno portato all'interruzione in 15 pazienti ( 8% ) rispetto a 17 ( 14% ).

L'aggiunta di Isatuximab a Carfilzomib-Desametasone migliora significativamente la sopravvivenza libera da progressione e la profondità di risposta nei pazienti con mieloma multiplo recidivante, rappresentando un nuovo standard di cura per questa popolazione di pazienti. ( Xagena2021 )

Moreau P et al, Lancet 2021; 397: 2361-2371

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro