Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia
Ematologia Amgen

Ixazomib come mantenimento post-induzione per pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non sottoposti a trapianto autologo di cellule staminali: studio TOURMALINE-MM4


La terapia di mantenimento prolunga la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi ( NDMM ) non-sottoposti a trapianto autologo di cellule staminali ( ASCT) ma è generalmente limitata agli agenti immunomodulatori.
Sono necessarie altre opzioni che completino il regime di induzione con una tossicità favorevole.

Lo studio di fase III, in doppio cieco, controllato con placebo TOURMALINE-MM4 ha assegnato in modo casuale pazienti con mieloma NDMM non-sottoposti a trapianto ASCT che hanno ottenuto una risposta parziale migliore o uguale dopo 6-12 mesi di terapia di induzione standard a ricevere l’inibitore del proteasoma orale Ixazomib ( Ninlaro ) o placebo nei giorni 1, 8 e 15 di cicli di 28 giorni come mantenimento per 24 mesi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza senza progressione dal momento della randomizzazione.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ixazomib ( n=425 ) oppure placebo ( n=281 ).

TOURMALINE-MM4 ha raggiunto il suo endpoint primario con una riduzione del 34.1% del rischio di progressione o morte con Ixazomib rispetto al placebo ( PFS mediana dalla randomizzazione, 17.4 vs 9.4 mesi; hazard ratio HR, 0.659; P minore di 0.001; follow-up mediano, 21.1 mesi ).

Ixazomib ha apportato benefici significativi ai pazienti che hanno raggiunto una risposta parziale completa o molto buona dopo l'induzione ( PFS mediana, 25.6 vs 12.9 mesi; HR, 0.586; P minore di 0.001 ).

Con Ixazomib versus placebo, il 36.6% contro 23.2% dei pazienti ha presentato eventi avversi emergenti dal trattamento di grado 3 o superiore; il 12.9% versus l'8.0% ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi emergenti dal trattamento ( TRAE ).

I comuni eventi avversi di qualsiasi grado emergenti dal trattamento hanno incluso: nausea ( 26.8% vs 8.0% ), vomito ( 24.2% vs 4.3% ) e diarrea ( 23.2% vs 12.3% ).
Non c'è stato alcun aumento di nuove neoplasie primarie ( 5.2% vs 6.2% ).
I tassi di mortalità durante lo studio sono stati del 2.6% contro il 2.2%.

Il mantenimento con Ixazomib prolunga la sopravvivenza libera da progressione senza tossicità inaspettata nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi non-sottoposti a trapianto ASCT.
Questo è il primo inibitore del proteasoma ad aver dimostrato in uno studio clinico randomizzato di avere efficacia come singolo agente per il mantenimento, ed è la prima opzione a base di inibitore del proteasoma orale in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2020 )

Dimopoulos MA et al, J Clin Oncol 2020; 38: 4030-4041

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro