ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'aggiunta della radioterapia alla chemioterapia migliora la sopravvivenza nei pazienti pediatrici con linfoma di Hodgkin, ma l'impiego della terapia in modalità combinata sta diminuendo a causa di problemi di tossicità


Uno studio osservazionale ha mostrato che la terapia in modalità combinata ( CMT ), chemioterapia più radioterapia, è associata a un miglioramento della sopravvivenza nei giovani pazienti affetti da linfoma di Hodgkin rispetto alla sola chemioterapia.

A un follow-up mediano di 61.8 mesi, i pazienti selezionati per ricevere radiochemioterapia avevano una sopravvivenza globale a 5 anni del 97.3% rispetto al 94.5% per quelli trattati con la sola chemioterapia.
Questo dato è rimasto significativo nell'analisi multivariata aggiustata per l'età, il sesso, la razza, lo stadio del tumore, la procedura di trapianto ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.57; IC 95%, 0.42-0.78, P inferiore a 0.001 ).

Il maggior beneficio con la terapia in modalità combinata è stato osservato nei pazienti di età pari o superiore ai 15 anni ( aHR=0.47; IC 95%, 0.40-0.56, P inferiore a 0.001 ).

I pazienti di età compresa tra 1 e 13 anni hanno tratto il minimo beneficio dall'aggiunta della radioterapia; questo riveste particolare interesse, poiché questi pazienti sono i più vulnerabili agli effetti tardivi della radioterapia.

La terapia in modalità combinata nel linfoma di Hodgkin in età pediatrica in fase iniziale ha dimostrato tassi di sopravvivenza senza eventi e di sopravvivenza globale superiori all'80 e al 95%, rispettivamente.
Ma l'uso della radioterapia è diminuito negli ultimi anni a causa degli effetti avversi osservati nel follow-up a lungo termine: tossicità cardiaca e polmonare, tumori maligni secondari, nonché infertilità e anomalie endocrine.
Nel 2004, la terapia in modalità combinata era stata utilizzata nel 59.7% dei pazienti, ma nel 2015 l'impiego è sceso al 34.9%.

Il nuovo studio ha preso in esame i dati di 5.657 pazienti ( età media 17.1 ) presenti nel National Cancer Database che avevano diagnosi di linfoma di Hodgkin classico di stadio I-II dal 2004 al 2015.
La maggior parte dei pazienti erano bianchi ( 82.9% ) e la maggioranza erano donne ( 53% ).
Era più probabile che i maschi ricevessero terapia in modalità combinata rispetto alle femmine ( 48.1% vs 43.6% ).

Nella maggior parte dei casi in cui la terapia in modalità combinata non è stata utilizzata, ciò era dovuto al fatto che non faceva parte della strategia di trattamento iniziale del medico ( 90.9% ), sebbene in alcuni casi i pazienti rifiutassero ( 1.7% ).

I limiti dello studio includevano il fatto che il set di dati mancava di informazioni su determinati fattori prognostici come i sintomi sistemici del linfoma, il numero di siti linfonodali e la presenza di massa bulky.
Il breve follow-up inoltre non cattura pienamente gli effetti tardivi associati all'uso della radioterapia. ( Xagena2019 )

Fonte: JAMA Oncology, 2019

Emo2019 Onco2019 Pedia2019 Farma2019


Indietro