Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

L'antagonista di MDM2 Idasanutlina nei pazienti con policitemia vera: risultati di uno studio di fase 2 a braccio singolo


Idasanutlina, un antagonista di MDM2, ha mostrato attività clinica e una rapida riduzione del carico allelico di JAK2 ( V617F ) nei pazienti con policitemia vera in uno studio di fase 1.

Uno studio di fase 2 in aperto ha valutato l'Idasanutlina nei pazienti con policitemia vera resistente / intollerante all'Idrossiurea ( HU ), secondo i criteri ELN ( European LeukemiaNet ), e dipendenza da flebotomia.
Era consentita una precedente esposizione a Ruxolitinib.
L'Idasanutlina è stata somministrata una volta al giorno nei giorni da 1 a 5 di ciascun ciclo di 28 giorni.

L'endpoint primario era la risposta composita ( controllo dell'ematocrito e riduzione del volume della milza superiore al 35% ) nei pazienti con splenomegalia e controllo dell'ematocrito nei pazienti senza splenomegalia alla settimana 32.
Gli endpoint secondari chiave includevano la sicurezza, la risposta ematologica completa ( CHR ), esiti riferiti dal paziente e risposte molecolari.

Tutti i pazienti ( n = 27 ) hanno ricevuto Idasanutlina; 16 hanno avuto una valutazione della risposta ( settimana 32 ).

Tra i responder con splenomegalia basale ( n = 13 ), 9 ( 69% ) hanno ottenuto una riduzione del volume della milza e 1 ha ottenuto una risposta composita.

Nove pazienti ( 56% ) hanno raggiunto il controllo dell'ematocrito e 8 pazienti ( 50% ) hanno raggiunto la risposta ematologica completa.

Complessivamente, il 43% dei pazienti valutabili ( 6/14 ) ha mostrato una riduzione del 50% o superiore del punteggio alla scala MPN-SAF TSS ( Myeloproliferative Neoplasm Symptom Assessment Form Total Symptom Score ) ( settimana 32 ).

Nausea ( 93% ), diarrea ( 78% ) e vomito ( 41% ) sono stati gli eventi avversi più comuni, con nausea o vomito di grado 3 o maggiore sperimentati rispettivamente da 3 pazienti ( 11% ) e 1 paziente ( 4% ).

La riduzione del carico allelico di JAK2 ( V617F ) si è verificata precocemente ( dopo 3 cicli ), con una riduzione mediana del 76%, ed è stata associata al raggiungimento della risposta ematologica completa e del controllo dell'ematocrito.

Nel complesso, il regime di dosaggio di Idasanutlina ha mostrato attività clinica e una rapida riduzione del carico allelico di JAK2 nei pazienti con policitemia vera resistente o non-tollerante l'Idrossiurea, ma è stato associato a tossicità gastrointestinale di basso grado, con una scarsa tollerabilità nel lungo periodo. ( Xagena2022 )

Mascarenhas J et al, Blood Adv 2022; 6: 1162-1174

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro