ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Leucemia mieloide cronica: l’interruzione di Imatinib non aumenta il rischio di recidiva molecolare nel lungo periodo


I risultati di uno studio hanno mostrato che i pazienti affetti da leucemia mieloide cronica che raggiungono una risposta molecolare, marcata e sostenuta, possono interrompere l’assunzione di Imatinib ( Glivec; negli USA: Gleevec ) senza un aumento del rischio di recidiva molecolare tardiva.

I risultati di uno studio precedente avevano mostrato che Imatinib può essere interrotto nei pazienti con leucemia mieloide cronica che mantengono livelli non-rilevabili di malattia residua minima per almeno 2 anni.

Lo studio prospettico ha riguardato 100 pazienti ( età media, 59.4 anni, range: 29-81; 52% donne ) che avevano interrotto l’assunzione di Imatinib dopo aver ricevuto il trattamento per almeno 3 anni ( qualsiasi dosaggio ) e avevano malattia residua minima non-rilevabile per almeno 2 anni.

Gli sperimentatori hanno condotto un follow-up molecolare ogni mese per il primo anno dopo la cessazione di Imatinib, e ogni 2 mesi nel secondo anno. Dal terzo anno in poi, il follow-up molecolare è stato effettuato ogni 3 mesi.

La recidiva molecolare era definita dalla positività di almeno due test RT-PCR ( reazione a catena della polimerasi - trascrittasi inversa ).

Il follow-up mediano dopo la cessazione di Imatinib è stato di 77 mesi ( range, 9-95 ).

Sessantun pazienti ( 61%) sono andati incontro a una recidiva molecolare dopo una mediana di 2.5 mesi.
Un paziente con malattia residua minima non-rilevabile è morto 10 mesi dopo l'interruzione di Imatinib.

La maggior parte delle recidive si è verificata entro 6 mesi dalla cessazione di Imatinib, e l’80% ( n=49 ), si è verificata nei primi 3 mesi.
Nessuna recidiva molecolare è stata riportata 22 mesi dopo la sospensione del farmaco.

La coorte ha presentato un tasso di sopravvivenza libera da recidiva molecolare del 43% ( IC 95%, 33-52 ) a 6 mesi e del 40% ( IC 95%, 30-49 ) a 18 mesi.
A 5 anni, la sopravvivenza libera da recidiva molecolare è stata del 38% ( IC 95%, 29-47 ).

Un totale di 57 pazienti con recidiva molecolare ha dovuto riprendere il trattamento. La maggior parte dei pazienti ( n=56 ) ha assunto ancora Imatinib; 1 paziente ha ricevuto Dasatinib ( Sprycel ).
Il tempo mediano alla ripresa del trattamento è stato di 2.1 mesi ( range, 0.7-15.6 ).

Quattro pazienti non hanno ripreso il trattamento con inibitori della tirosin-chinasi; 3 per rifiuto del paziente o 1 a causa della somministrazione di chemioterapia per una concomitante seconda neoplasia.

Tutti i pazienti, tranne 2, che hanno ripreso la terapia hanno raggiunto una seconda malattia residua minima non-rilevabile dopo una mediana di 4.3 mesi ( range, 1.5-21 ).

Nessun paziente con recidiva molecolare ha mostrato progressione della malattia dopo un follow-up mediano di 73 mesi.

Quattro pazienti sono morti per cause non-correlate al trattamento, tra cui tumori secondari ( n=2 ), insufficienza renale ( n=1 ) o emorragia cerebrale ( n=1 ).

Al follow-up finale 39 pazienti sono rimasti liberi da recidiva molecolare e non hanno necessitato di una ulteriore terapia a base di inibitori della tirosin-chinasi; 37 di questi hanno mantenuto malattia minima residua non-rilevabile.
Un paziente in questa coorte è morto a causa di infarto del miocardio. ( Xagena2016 )

Finte: Journal of Clinical Oncology, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro