Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
GSK Ematologia

Linfoma di Hodgkin in stadio iniziale: rischi previsti di malattia cardiovascolare a seguito di chemioterapia e radioterapia nello studio UK NCRI RAPID di terapia diretta da PET


La gestione contemporanea del linfoma di Hodgkin in fase iniziale ( ES-HL ) comporta il bilanciamento del rischio di effetti avversi tardivi della radioterapia con l'aumento del rischio di recidiva se la radioterapia viene omessa.

L'obiettivo di questo studio era fornire informazioni sul rischio di malattie cardiovascolari correlate alle radiazioni per aiutare a personalizzare l'erogazione della radioterapia nel linfoma di Hodgkin in fase iniziale.

È stato previsto un rischio cardiovascolare assoluto a 30 anni da chemioterapia ed è stata coinvolta la radioterapia sul campo in pazienti che erano negativi alla tomografia a emissione di positroni ( PET ) dopo tre cicli di chemioterapia con Doxorubicina, Bleomicina, Vinblastina e Dacarbazina all'interno di uno studio randomizzato del Regno Unito sulla terapia diretta da PET per il linfoma di Hodgkin in fase iniziale.

Le dosi di radiazioni cardiache e carotidee e l'esposizione alla chemioterapia sono state combinate con relazioni dose-risposta stabilite e tassi di incidenza e mortalità basati sulla popolazione.

La dose media cardiaca era di 4.0 Gy e la dose media bilaterale dell'arteria carotide comune era di 21.5 Gy, in base alla dosimetria cardiovascolare individualizzata per 144 pazienti PET-negativi sottoposti a radioterapia del campo coinvolto.

L'eccesso di mortalità cardiovascolare globale previsto medio correlato alle radiazioni a 30 anni è stato dello 0.56% ( inferiore allo 0.5% nel 67% dei pazienti e superiore all’1% nel 15% ), mentre l'eccesso di incidenza medio previsto a 30 anni è stato del 6.24% ( inferiore al 5% nel 58% dei pazienti e superiore al 10% nel 24% ).

Per le malattie cardiache, la mortalità eccessiva assoluta correlata alle radiazioni a 30 anni prevista media è stata dello 0.42% ( 0.79% con coinvolgimento mediastinico e 0.05% senza ) e per l'ictus è stata dello 0.14%.

Il rischio cardiovascolare in eccesso previsto è piccolo per la maggior parte dei pazienti, quindi la radioterapia può fornire un beneficio netto.

Tuttavia, per una minoranza di pazienti che ricevono alte dosi di radiazioni alle strutture cardiovascolari, può essere preferibile prendere in considerazione tecniche di radioterapia avanzate per ridurre le dosi o omettere la radioterapia e accettare l'aumento del rischio di recidiva.

La valutazione individuale dei rischi cardiovascolari e di altro tipo prima del trattamento consentirebbe di prendere decisioni personalizzate sulla radioterapia per il linfoma di Hodgkin in fase iniziale. ( Xagena2021 )

Cutter DJ et al, J Clin Oncol 2021; 39: 3591-3601

Cardio2021 Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro