Ematologia Amgen
Celgene Ematologia
Janssen Oncology
GSK Ematologia

Loncastuximab tesirina nel linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario: studio LOTIS-2


I pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) recidivato o refrattario che non rispondono o che hanno una malattia progressiva dopo le terapie di salvataggio hanno una prognosi sfavorevole.

Loncastuximab tesirina ( Zynlonta ) è un coniugato anticorpo-farmaco diretto contro CD19 con attività antitumorale di fase 1 da singolo agente incoraggiante e sicurezza accettabile nel linfoma non-Hodgkin.
Sono state valutate l'attività antitumorale e la sicurezza di Loncastuximab tesirina in pazienti con linfoma DLBCL recidivante o refrattario.

È stato condotto uno studio multicentrico ( 28 centri ospedalieri negli Stati Uniti, Regno Unito, Italia e Svizzera ), in aperto, a braccio singolo, di fase 2 ( LOTIS-2 ) in pazienti di età pari o superiore a 18 anni con linfoma DLBCL recidivante o refrattario dopo due o più trattamenti sistemici multiagente, con malattia misurabile e ECOG performance status pari a 0-2.

I pazienti idonei hanno ricevuto Loncastuximab tesirina per via endovenosa il giorno 1 di ogni ciclo di 21 giorni, a 150 microg/kg per due cicli, quindi 75 microg/kg successivamente, fino a 1 anno o fino a recidiva o progressione della malattia, tossicità inaccettabile, morte, deviazione dal protocollo, gravidanza o decisione del paziente, dello sperimentatore o dello sponsor.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale valutato dalla revisione centrale. L'attività antitumorale primaria e le analisi di sicurezza sono state effettuate nella popolazione trattata ( pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Loncastuximab tesirina ), quando tutti i pazienti che avevano risposto hanno avuto almeno 6 mesi di follow-up dopo la risposta iniziale documentata.

Tra il 2018 e il 2019, 184 pazienti sono stati valutati per l'idoneità e 145 ( 79% ) sono stati arruolati e hanno ricevuto almeno una dose di Loncastuximab tesirina, inclusi i pazienti con caratteristiche ad alto rischio per prognosi infausta, come linfoma DLBCL double-hit, triple-hit, trasformato o refrattario primario.
70 dei 145 pazienti hanno presentato una risposta completa o parziale ( tasso di risposta globale 48.3% ); 35 hanno avuto una risposta completa e 35 una risposta parziale.

Gli eventi avversi di grado 3 o superiore più comuni emersi dal trattamento sono stati neutropenia ( 37 su 145 pazienti, 26% ), trombocitopenia ( 26, 18% ) e aumento della gamma-glutamiltransferasi ( 24, 17% ).

Eventi avversi gravi sono stati riportati in 57 dei 145 pazienti ( 39% ). Eventi avversi emergenti dal trattamento con esito fatale si sono verificati in 8 dei 145 pazienti ( 6% ); nessuno è stato considerato correlato a Loncastuximab tesirina.

Loncastuximab tesirina ha una sostanziale attività antitumorale a singolo agente e produce risposte durature con un profilo di sicurezza accettabile, offrendo potenzialmente una nuova opzione terapeutica per pazienti pesantemente pretrattati con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivante o refrattario. ( Xagena2021 )

Caimi PF et al, Lancet Oncology 2021; 22: 790-800

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro