Celgene Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen
GSK Ematologia

Mantenimento con Ofatumumab rispetto alla osservazione nella leucemia linfatica cronica recidivante


Ofatumumab ( Arzerra ) è un anticorpo monoclonale anti-CD20 umano che ha dimostrato efficacia in monoterapia nella leucemia linfatica cronica refrattaria.

E’ stata valutata l'efficacia e la sicurezza del trattamento di mantenimento con Ofatumumab rispetto all’osservazione per i pazienti in remissione dopo il trattamento di re-induzione per recidiva di leucemia linfatica cronica.

Lo studio in aperto, multicentrico, randomizzato, di fase 3 ha arruolato pazienti di età a partire da 18 anni da 130 Centri in 24 Paesi che avevano leucemia linfatica cronica in remissione completa o parziale dopo il trattamento di seconda linea o di terza linea.

I pazienti eleggibili avevano un WHO performance status di 0-2, una valutazione della risposta nei precedenti 3 mesi, non avevano malattia refrattaria, anemia emolitica autoimmune con necessità di trattamento, infezione cronica o attiva con necessità di trattamento, e non avevano precedentemente ricevuto il trattamento di mantenimento o il trapianto di cellule staminali autologo o allogenico.

I pazienti sono stati randomizzati a ricevere Ofatumumab ( 300 mg seguiti da 1.000 mg una settimana più tardi e ogni 8 settimane fino a 2 anni ) o a sottoporsi a osservazione.
La randomizzazione è stata stratificata in base al numero e al tipo di trattamento precedente e allo stato di remissione dopo il trattamento di induzione.
L’assegnazione del trattamento è avvenuta in aperto.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione nella popolazione intention-to-treat.

Sono stati riportati i risultati di una analisi ad interim pre-specificata, dopo che si sono verificati i due terzi degli eventi in programma dello studio ( progressione della malattia o morte ).
Il follow-up è in corso.

Tra il 2010 e il 2014, sono stati arruolati 474 pazienti: 238 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un trattamento di mantenimento con Ofatumumab e 236 a sottoporsi a osservazione.
Un paziente nel gruppo Ofatumumab ( meno dell’1% ) non ha ricevuto l'intervento assegnato ( revoca del consenso ).
Il follow-up mediano è stato di 19.1 mesi.

La sopravvivenza libera da progressione è migliorata nei pazienti assegnati al gruppo Ofatumumab ( 29.4 mesi ) rispetto a quelli assegnati alla sola osservazione ( 15.2 mesi, hazard ratio, HR=0.50, P minore di 0.0001 ).

I più comuni eventi avversi di grado 3 o superiore fino a 60 giorni dopo l'ultimo trattamento sono stati neutropenia ( 56 pazienti su 237, 24% nel gruppo Ofatumumab vs 23 su 237, 10% nel gruppo di osservazione ) e infezioni ( 31, 13% vs 20, 8% ).
20 pazienti su 237 ( 8% ) nel gruppo Ofatumumab e 3 pazienti su 237 ( 1% ) nel gruppo osservazione hanno manifestato eventi avversi che hanno portato alla sospensione permanente del trattamento.

Fino a 60 giorni dopo l'ultimo trattamento, si sono verificati 2 decessi correlati ad eventi avversi nel gruppo di trattamento con Ofatumumab e si sono verificati 5 decessi correlati ad eventi avversi nel gruppo osservazione; nessun decesso è stato attribuito al farmaco in studio.

Questi dati sono importanti per lo sviluppo di strategie di mantenimento ottimali nei pazienti con recidiva di leucemia linfatica cronica, in particolare nell'attuale epoca dei farmaci mirati, molti dei quali devono essere utilizzati fino alla progressione. ( Xagena2015 )

van Oers MHJ et al, Lancet 2015; 16: 1370-1379

Onco2015 Emo2015 Farma2015


Indietro